Giudiziaria

“Non dichiarò il falso per avere il reddito di cittadinanza”, assolta 47enne

All’imputata veniva contestato di aver indicato falsamente che il figlio minore faceva parte del proprio nucleo familiare

Pubblicato 2 settimane fa

Il giudice per l’udienza preliminare del tribunale di Agrigento, Micaela Raimondo, ha disposto l’assoluzione nei confronti di Mara Rosemeire Giardina, di Canicattì, accusata di aver dichiarato il falso per ottenere il reddito di cittadinanza. All’imputata, difesa dall’avvocato Angelo Asaro, veniva contestato di aver indicato falsamente che il figlio minore faceva parte del proprio nucleo familiare.

Durante il processo, svolto col rito abbreviato, la quarantasettenne ha reso interrogatorio e ha prodotto tutta la documentazione dell’Inps. Il giudice ha così accolto la richiesta della difesa assolvendo l’imputata con formula piena. 

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *