banner-emergenza-coronavirus

La storia del clan Rizzuto in un film con Sergio Castellitto (vd)

Redazione

Mafia

La storia del clan Rizzuto in un film con Sergio Castellitto (vd)

di Redazione
Pubblicato il Feb 25, 2020
La storia del clan Rizzuto in un film con Sergio Castellitto (vd)

Sergio Castellitto nei panni del “padrino” italo-canadese Vito Rizzuto, originario di Cattolica Eraclea, nel nuovo film “Mafia Inc” del regista Podz. 

“Ho accolto questa proposta con assoluto entusiasmo”, dice l’attore e regista romano di fama internazionale mentre esce il film nelle sale in Canada.

“Il produttore del film Antonello Cozzolino e il regista Daniel Grou Podz – racconta – sono venuti a incontrarmi in Italia e siamo subito andati d’accordo. Girare il film nel Quebec, nell’autunno del 2018, è stata una bellissima esperienza. Perché per me non è solo il film che fai che è importante. Altrettanto importante per me è il ricordo che hai di un’esperienza cinematografica. E in questo caso, posso dire che ci siamo lasciati con ricordi molto belli”.

In “Mafia Inc”, adattamento dell’omonimo libro dei giornalisti André Cédilot e André Noël, Sergio Castellitto veste i panni di Frank Paterno, il padrino della mafia siciliana di Montreal, personaggio immaginario è ispirato a Vito Rizzuto, ex capo dell’organizzazione italo-canadese originario dal piccolo centro dell’Agrigentino.

Il film con Sergio Castellitto sul clan Rizzuto: Mafia inc

Racconta oltre trent’anni di storia del clan siciliano in Canada e dei suoi due capi: Nick e Vito Rizzuto alleati dei Caruana-Cuntrera di Siculiana e della famiglia Bonanno di New York, al centro di diverse inchieste e relazioni della Dia anche in Italia.

Nel film tutti i nomi di personaggi sono stati cambiati e una buona parte della trama è frutto dell’immaginazione degli sceneggiatori.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings