Mafia

Operazione Doppio Petto, 18 arresti nel clan Pillera-Puntina

Sugli "interessi criminali di soggetti legati, anche da vincoli di sangue, a Giacomo Maurizio Ieni

Pubblicato 3 mesi fa



Operazione antimafia della Polizia di Catania contro il clan Pillera-Puntina. Decine di agenti stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare nell’ambito di un’inchiesta, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia, sugli “interessi criminali di soggetti legati, anche da vincoli di sangue a Giacomo Maurizio Ieni”. I reati ipotizzati dal gip, a vario titolo, sono detenzione e porto di armi comuni da sparo, estorsione aggravata dal metodo mafioso, usura, trasferimento fraudolento di valori, associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, con l’aggravante dell’essere l’associazione armata, nonché di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

GLI ARRESTATI

Andrea Italo Abbratuzzato, 50 anni; Romano Riccardo Di Mauro, 61 anni; Orazio Finocchiaro, 51 anni; Antonio Giuseppe Dario Ieni, 31 anni; Francesco Ieni, 41 anni; Giuseppe Longo, 45 anni; Francesco Magrì, 52 anni; Loredana Graziella Nicolosi, 45 anni; Rosario Platania, 36 anni; Giusepe Raneri, 51 anni; Giuseppe Russo, 25 anni; Massimo Spina, 57 anni; Giuseppe Varoncelli, 46 anni; Francesca Viglianesi, 70 anni; Stella Mannino, 58 anni; Helmi Toui, 35 anni; Natalizio Claudio Minnella, 58 anni; Enrico Cristaldi, 58 anni. 

LE INDAGINI

Le indagini, coordinate da quest’Ufficio ed eseguite dalla locale Squadra Mobile – Sezione Reati contro il Patrimonio e la P.A. – Squadra Antiestorsioni della Polizia di Stato, hanno permesso di acquisire, allo stato degli atti e in relazione ad una fase processuale che non ha ancora consentito l’intervento delle Difese, elementi che dimostrerebbero come gli indagati, con differenti profili di responsabilità, avessero gestito, con metodo mafioso, estorsioni in danno di imprenditori locali nonché preso parte ad una associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, con l’aggravante dell’essere l’associazione armata. Il provvedimento restrittivo compendia gli esiti di investigazioni scaturite dalle risultanze d’indagine emerse in altro procedimento penale, in base alle quali Ieni Dario Giuseppe Antonio – subentrato a Ieni Giacomo Maurizio, storico affiliato alla cosca Pillera-Puntina, nella gestione degli “affari di famiglia” – stesse continuando a riscuotere un’estorsione periodica a noti imprenditori catanesi, operanti nel settore dei trasporti e della logistica. Le attività, avviate per dare riscontro alle accennate risultanze, consentivano di appurare come, in occasione delle festività di Natale e di Pasqua, Ieni Dario Giuseppe Antonio avrebbe inviato Ruggeri Giovanni a riscuotere una tassa estorsiva semestrale pari a 4.000 euro.  L’azione investigativa promossa nei confronti dei sopra indicati soggetti consentiva di far emergere altre attività imprenditoriali estorte, con analogo metodo, dalle quali gli stretti congiunti di Ieni Giacomo Maurizio avrebbero ricevuto entrate fisse: alcune nella forma tradizionale, ossia con il pagamento periodico di denaro per ottenere la famigerata protezione; altre ottenute tramite imposizione di tassi di sconto fuori mercato, in qualunque stagione dell’anno, su capi di abbigliamento di marca, il tutto ai danni di titolari di noti e rinomati negozi catanesi. In tale cornice, si indagava a fondo su tutti gli altri affari illeciti della famiglia IENI, ed in particolare, su quello del traffico delle sostanze stupefacenti, della cui gestione si sarebbe occupato l’altro figlio, Francesco, inteso u Castoru. Su tale versante, si aveva modo di verificare come il business messo in piedi da Ieni Francesco sarebbe stato strutturato – non tanto sulla gestione diretta di una piazza di spaccio – bensì sul loro materiale approvvigionamento, mediante un lucroso network che avrebbe previsto l’acquisto all’ingrosso della droga, dalla Calabria per la cocaina e dalla Spagna per la marijuana, e la successiva vendita al dettaglio ai responsabili delle piazzecatanesi e non solo. Tale politica criminale, che sarebbe stata basata di fatto su un’organizzazione semplice, imperniata su Ieni Francesco che avrebbe gestito i rapporti con i trafficanti per l’acquisto della sostanza stupefacente e sui sodali che si occupavano della logistica – avrebbe avuto il vantaggio di non entrare in conflitto con gruppi delinquenziali concorrenti per il controllo ed il predominio delle piazze di spaccio, ma, al contrario, di avere con questi rapporti di affari. In proposito, dallo sviluppo delle attività di indagini preliminari si ipotizzavano cointeressenze economiche con esponenti dei Cappello-Bonaccorsie del gruppo Nizza, facente parte della famiglia di cosa nostra denominata Santapaola- Ercolano, per questo destinatari della misura cautelare. Circoscritti gli interessi illeciti intorno ai settori dell’estorsione e del traffico di sostanze stupefacenti, in costanza d’indagini, venivano condotte operazioni considerate di riscontro che portavano agli arresti in flagranza: di Ruggeri Giovanni, per estorsione aggravata dal metodo mafioso, qualche giorno prima delle festività natalizie (18.12.2021) con il sequestro della rata estorsiva di 4.000 euro, poi riconsegnata all’imprenditore; di Cristaldi Francesco, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, il 10.02.2022, con il sequestro complessivo di poco più di 10 kg tra marijuanacocaina e hashish; in data 12.02.2022, di Viglianesi Francesca, moglie di IENI Giacomo Maurizio, in ordine al reato di usura.  Infine, le investigazioni avrebbero consentito di appurare come in capo al defunto IENI Giacomo Maurizio fosse da ricondurre la “contitolarità” di un esercizio commerciale di ristorazione e somministrazione di bevande, attesa la decisiva ingerenza, sua e dei familiari, nella gestione di fatto dell’anzidetta attività economica. Il Giudice per le indagini preliminari, su richiesta dei Pubblici Ministeri titolari del relativo fascicolo d’indagine, ha quindi disposto, per 14 indagati, l’applicazione della misura cautelare della custodia in carcere e per i 4 restanti, quella degli arresti domiciliari. La fase esecutiva sviluppatasi nel corso della mattinata dell’1 dicembre, con traduzione presso la locale Casa Circondariale, ha coinvolto, oltre che gli operatori della Squadra Mobile etnea, quelli dell’omologo organo investigativo di Messina, equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine della Sicilia Orientale, qui inviati a supporto dalla Direzione Centrale Anticrimine, nonché personale di altre articolazioni della locale Questura ed unità specializzate di Polizia Scientifica.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *