Etna, Tardino: “Cenere non può essere considerata emergenza di serie B”

Redazione

| Pubblicato il martedì 31 Agosto 2021

Etna, Tardino: “Cenere non può essere considerata emergenza di serie B”

Lo dice Annalisa Tardino, europarlamentare siciliana della Lega
di Redazione
Pubblicato il Ago 31, 2021

La copiosa e ripetuta caduta di lapilli e cenere vulcanica su Catania e diversi centri della provincia non puo’ continuare a essere considerata dall’Ue come una ‘emergenza di serie B’, e quindi non degna di un sostegno economico. L’Etna da sette mesi costringe decine di migliaia di cittadini a convivere con un’emergenza che continua a causare gravi disagi e ingenti danni economici al territorio, come anche segnalato in questi giorni dal Presidente Musumeci”. Lo dice Annalisa Tardino, europarlamentare siciliana della Lega, che in queste ore ha presentato una interrogazione urgente alla Commissione Ue dopo l’ennesimo fenomeno parossistico dell’Etna, che ha inondato di cenere i centri abitati del versante ionico, fino alla costa. 

“Il regolamento del FSUE, creato nel 2002 per rispondere alle grandi calamita’ naturali – spiega l’eurodeputata – prevede l’attivazione per danni pari o superiori a 3 miliardi di euro, o allo 0,6% dell’Reddito nazionale lordo (RNL) dello Stato. Soglie troppo alte per casi localizzati, come quelli legati a un’eruzione vulcanica. Poiche’ la soglia e’ gia’ stata abbassata per le regioni ultraperiferiche dell’Ue, chiedo che lo stesso avvenga per le isole e per i vulcani”.

di Redazione
Pubblicato il Ago 31, 2021


Copyright © anno 2020 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 187 - 92100 Agrigento;
Numero di telefono 0922822788 - Cell 351 533 9611 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings

Realizzazione sito web Digitrend Srl