Politica

Operatori RSA siciliane senza stipendi da mesi, scattano due interrogazioni M5S all’Ars e alla Camera

L’interrogazione è a firma dei parlamentari Antonio De Luca (Ars) e Davide Aiello (Camera)

Pubblicato 10 mesi fa

Operatori delle Residenze sanitarie assistite (RSA) siciliane senza stipendi da mesi, con ritardo nei versamenti dei contributi Inps e in parecchi casi col rischio di essere riscritti nel registro dei cattivi pagatori, in quanto il pagamento alle finanziarie, per coloro che hanno stipulato la cessione del quinto dello stipendio, non sarebbe stato effettuato “nonostante le relative trattenute in busta paga – dicono – i dipendenti delle strutture – siano state regolarmente effettuate. La questione è finita all’Ars e perfino ala Camera, con due interrogazioni del M5S dirette rispettivamente all’assessore alla Salute e al Ministri della Salute e del Lavoro, a firma dei parlamentari Antonio De Luca (Ars) e Davide Aiello (Camera).

“La situazione – dice il capogruppo del M5S all’Ars Antonio De Luca – è preoccupante anche perché i precedenti interventi dell’assessore Volo, a quanto pare, non hanno prodotto alcun effetto. A gennaio infatti l’assessore, in seguito ad un incontro con i sindacati, aveva chiesto alle Asp maggiore controllo e vigilanza sugli enti convenzionati. Con l’interrogazione chiediamo quali interventi siano stati predisposti e quali iniziative di carattere normativo si intenda porre in essere per far cessare le irregolarità denunciate dagli operatori”. 

Dello stesso tenore l’interrogazione a firma di Aiello, che chiede ai ministri interrogati “quali iniziative, anche di carattere normativo intendano porre in essere, per quanto di competenza e di intesa con la Regione, al fine di garantire il rispetto dei diritti dei lavoratori impiegati nelle RSA della Regione Siciliana”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *