Palermo

Aggredisce medico in ospedale Palermo, arrestato agrigentino

Il medico è stato aggredito dall’indagato per motivi legati alla prescrizione di un farmaco

Pubblicato 3 mesi fa

La Procura della Repubblica di Palermo ha delegato la locale Squadra Mobile per l’esecuzione dell’ordinanza di applicazione della custodia cautelare in carcere emessa dal Giudice per le Indagini Preliminare di Palermo nei confronti del 23enne Paolo Montalbano, nato a Sciacca, provincia di Agrigento, indagato per il tentato omicidio di un endocrinologo di 64 anni la cui, in quanto ritenuto responsabile di tentato omicidio in pregiudizio di un medico in servizio presso il reparto di endocrinologia del locale ospedale “Cervello”. Il provvedimento restrittivo scaturisce dalle attività d’indagine condotte dalla Squadra Mobile, coordinata dalla locale Procura della Repubblica, a seguito dell’evento delittuoso verificatosi in questo centro cittadino lo scorso 21 febbraio, quando il citato professionista è stato aggredito dall’indagato per motivi legati alla prescrizione di un farmaco. In quell’occorso il medico, mentre si trovava all’interno della sua stanza di servizio ed era impegnato in una conversazione telefonica, è stato raggiunto dal suo aggressore, che brandendo un taglierino aveva iniziato a colpirlo al volto, cagionando una grave lesione all’orecchio destro, nonché al braccio sinistro, recidendone un tendine.Le progressioni investigative, confortate dalle dichiarazioni di alcuni testimoni, consentivano di accertare che l’autore della brutale aggressione era un paziente della vittima.Infatti, nel corso dell’attività investigativa è emerso che il movente dell’aggressione sarebbe scaturito dal risentimento nutrito dall’indagato nei confronti della persona offesa, rea a suo dire della mancata somministrazione di un farmaco.In tale contesto, valutata la pericolosità sociale dell’indagato, la tempestività decisionale dell’Autorità Giudiziaria procedente ha consentito di assicurare alla Giustizia in tempi brevi il responsabile della grave aggressione.In proposito si rappresenta che il provvedimento restrittivo è stato emesso sulla base di un quadro probatorio indiziario, mentre la responsabilità penale dell’indagato sarà definita nel corso delle successive fasi processuali.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *