Giudiziaria

Carico di cocaina bloccato ad Agrigento, ridotte tre condanne 

Condanne quasi dimezzate nel processo bis a carico di tre imputati coinvolti in un’inchiesta antidroga eseguita nel 2020 dalla Squadra mobile di Agrigento

Pubblicato 3 mesi fa

Condanne quasi dimezzate nel processo bis a carico di tre imputati coinvolti in un’inchiesta antidroga eseguita nel 2020 dalla Squadra mobile di Agrigento. I giudici della seconda sezione penale della Corte di Appello di Palermo hanno condannato Angelo Infantino, 33 anni, di Agrigento, a due anni e cinque mesi di reclusione; tre anni ciascuno, invece, per i palermitani Giampiero Capaci, 41 anni, e Giuseppe Giappone, 31 anni. I tre imputati erano stati arrestati dalla Squadra mobile di Agrigento che avevano bloccato la consegna di circa mezzo etto di cocaina ad Agrigento.

In primo grado i tre erano stati condannati con pene che andavano dai 4 anni e 4 mesi fino ai 6 anni e 6 mesi di reclusione. Il verdetto era stato confermato anche in Appello fino a quando la Cassazione annullò la sentenza con rinvio. Adesso arriva una nuova condanna nel processo-bis ma con sensibili sconti di pena dovuti soprattutto alla riqualificazione del reato in cessione di stupefacenti di lieve entità. Gli imputati sono difesi dagli avvocati Davide Casà, Domenico Trinceri e Giovanni Agnello.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *