Giudiziaria

Il maxi sequestro di 5 tonnellate di cocaina a Porto Empedocle, in 15 a processo

Si tratta del piu' grosso sequestro di cocaina di sempre in Italia

Pubblicato 1 settimana fa

Dalla motonave Plutus, battente bandiera di Palau, al motopeschereccio Ferdinando D’Aragona: il gigantesco carico di cocaina – 5 tonnellate, il piu’ grosso sequestro di sempre in Italia – dall’America centrale, in particolare da Santo Domingo, aveva concluso il suo tragitto a Porto Empedocle, nell’Agrigentino, dove la guardia di finanza ha fatto irruzione arrestando, in due riprese, quindici persone. I membri dei due equipaggi, di nazionalita’ albanese, russa, tunisia, azera e ucraina, finiscono adesso a processo con l’accusa di fare parte di un’organizzazione criminale che riforniva gran parte del mercato italiano della droga. Il processo, dopo che il gip ha disposto il giudizio immediato, si terra’ davanti al tribunale collegiale di Agrigento, presieduto da Alfonso Malato, a partire dal 15 luglio.

L’operazione e’ scattata lo scorso 19 luglio ed e’ stata coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo. L’intervento e’ stato condotto con l’impiego di numerosi mezzi aerei e navali costieri e alturieri del comando operativo aeronavale di Pratica di Mare. In particolare, le attivita’ investigative hanno documentato come la motonave Plutus, in navigazione nel canale di Sicilia in acque internazionali, quella notte avesse gettato in mare l’ingente carico di cocaina che trasportava per il successivo recupero da parte del motopeschereccio Ferdinando D’Aragona, poi fermato dai mezzi navali dei finanzieri.

La rotta del mercantile Plutus, partito nello scorso mese di giugno dall’America centrale e precisamente dal porto di Santo Domingo, fu seguita passo passo: ha infatti dapprima raggiunto il porto di Trinidad e Tobago e successivamente quello di Las Palmas (Gran Canaria, in Spagna) nella giornata del 7 luglio, ultima sosta conosciuta prima di attraversare lo stretto di Gibilterra, e giungere infine nel canale di Sicilia, in attesa del motopeschereccio che nel frattempo era salpato dalle coste calabresi. Una volta abbandonato il carico di droga, la motonave riprendeva il largo in direzione della Turchia, ma veniva bloccata dalle unita’ navali del corpo che nel frattempo si erano lanciate al suo inseguimento. 

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *