Traffico di droga: 7 arresti

Redazione

Traffico di droga: 7 arresti
| Pubblicato il martedì 17 Novembre 2020

Traffico di droga: 7 arresti

Per quattro di loro e' scattata la custodia cautelare in carcere per tre i domiciliari
di Redazione
Pubblicato il Nov 17, 2020

I carabinieri hanno arrestato sette persone accusate di associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti, spaccio e detenzione ai fini di spaccio in concorso di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, hashish e marijuana nei comuni di Isola delle Femmine, Capaci e Carini. Per quattro di loro e’ scattata la custodia cautelare in carcere per tre i domiciliari. Il provvedimento e’ del gip del Tribunale di Palermo.

Nell’ambito delle operazioni sono stati inoltre rinvenuti e sequestrati: 150 gr di Cocaina, 400 gr di Hashish, 1000gr di Marijuana,  2500 euro in contanti.

Gli indagati

Gli indagati nell’operazione antidroga dei carabinieri tra Capaci, Isola delle Femmine e Carini sono: in carcere Seam D’Angelo 42 anni, Luigi Cracchiolo, 48 anni, Claudio Fanara, 31 anni, Antonio Lo Franco, 22 anni; ai domiciliari Emanuele D’Angelo, 20 anni, Vicenzo Taurone, 24 anni, e Emmanuel Spalma 22 anni. Sono tutti palermitani tranne Taurone nato a Salerno.

L’indagine

L’indagine, coordinata da un gruppo di sostituti e diretta dal procuratore aggiunto Salvatore De Luca, e’ scaturita dall’arresto in flagranza di reato di uno degli indagati, lo scorso 1 febbraio 2018, per detenzione ai fini di spaccio di 34 dosi di cocaina. L’attivita’ investigativa e’ andata avanti tra febbraio 2018 e novembre 2019 attraverso intercettazioni telefoniche e numerosi servizi di osservazione e pedinamento. La presunta organizzazione poteva contare su una fitta rete di pusher, un capo e numerosi clienti.

Il video

di Redazione
Pubblicato il Nov 17, 2020


Copyright © anno 2020 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 187 - 92100 Agrigento;
Numero di telefono 0922822788 - Cell 351 533 9611 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings