Giudiziaria

Truffe sul “Superbonus”, arrestati medico e altri cinque: sequestrati 37 milioni di euro

Scoperta una truffa sulle misure di sostegno all’economia contenute nel cosiddetto Decreto “Rilancio”

Pubblicato 4 settimane fa



Una presunta truffa sull’accesso a bonus edilizi è stata scoperta dalla Guardia di finanza di Messina che ha sequestrato oltre 37 milioni di euro ed eseguito un’ordinanza di custodia cautelare personale e reale nei confronti di sei indagati. Il provvedimento emesso dal gip, su richiesta della procura, ipotizza, a vario titolo, i reati di associazione per delinquere dedita alla truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche, indebite compensazioni fiscali e autoriciclaggio. Gli arrestati sono il medico Antonino Barbera, 72 anni, in carcere e ai domiciliari Domenica Barbera, 69 anni, Nicola Barbera, 45 anni, ,Felicia De Salvo, 68 anni, Silvia Lo Giudice, 41 anni e Roberto Pisa, 62 anni.

Nell’ambito delle indagini che hanno portato al sequestro preventivo di 37 milioni di euro, la Guardia di finanza di Messina ha eseguito sei ordinanze di custodia (cinque ai domiciliari). Gli accusati, a vario titolo, rispondono di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di truffe per ottenere erogazioni pubbliche, di accessi abusivi al sistema informatico, di indebite compensazioni di debiti fiscali e di autoriciclaggio. Gli indagati lucravano sui benefici fiscali introdotti dal dl 34 del 2020 (decreto Rilancio) e dalle successive integrazioni. Tutto ha avuto origine dalla denuncia di un cittadino informato da un funzionario dell’Agenzia delle entrate dell’inserimento, nel proprio cassetto fiscale, di crediti d’imposta per 1,3 milioni di euro, riconducibili a lavori di ristrutturazione edilizia mai eseguiti.

Sulla base dei primi accertamenti, i finanzieri hanno scoperto agevolazioni fiscali sul Superbonus 110%, che risultavano cedute a una società, tramite la piattaforma Cessione crediti dell’Agenzia delle entrate, avente ad oggetto la locazione di beni immobili, poi risultata priva di personale e strutture. Accertamenti bancari e perquisizioni hanno consentito di ricostruire ulteriori crediti, inseriti nei sistemi informatici da un unico soggetto e ceduti da privati, sempre alle medesime società messinesi riconducibili a persone facenti parte della stessa famiglia.

L’attività ruotava intorno a un medico di base di Messina che, sfruttando il rapporto di fiducia che intercorreva con i suoi pazienti, prospettava loro la possibilità di ottenere i contributi statali “Ecobonus” e “Superbonus”, per ristrutturare immobili di loro proprietà. Così invitava i pazienti a rilasciargli le credenziali Spid, in modo da accedere, da remoto, al loro cassetto fiscale. I crediti fittizi così creati venivano poi ceduti ad altri soggetti, tra cui quattro società riferibili al medico e a suoi parenti, per consentirne la monetizzazione, ovvero la compensazione fiscale con debiti reali.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *