Siracusa

Discarica abusiva e combustione illecita di rifiuti: 8 denunciati

All'interno del terreno utilizzato come deposito di rifiuti trovati anche tartarughe di specie protetta

Pubblicato 5 mesi fa

I Carabinieri della Stazione di Solarino hanno denunciato 8 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di illecito smaltimento di rifiuti e detenzione di animali di specie protetta.

I militari, coadiuvati da personale dello Squadrone Eliportato Cacciatori di Sicilia, dei Nuclei Carabinieri Cinofili di Nicolosi e Forestali CITES di Catania, nonché del NICTAS della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Siracusa, dell’ASP di Siracusa – Settore Veterinario e dell’A.R.P.A. Sicilia – Sede Territoriale di Siracusa, a conclusione di attività investigativa hanno sequestrato un’area di circa 700 metri quadri, di proprietà di un 66enne e di una 52enne, utilizzata come deposito continuativo di rifiuti di vario genere, anche di tipo speciale e pericoloso che, sistematicamente, venivano incendiati.

Contestualmente alle operazioni di sequestro, sono stati effettuati accertamenti del personale dell’A.R.P.A. intervenuto per le verifiche di competenza sulla possibile contaminazione delle falde acquifere, mentre i veterinari dell’ASP di Siracusa hanno effettuato verifiche e sequestrato, amministrativamente i capi di bestiame presenti nel sito, che non risultano registrati presso il Dipartimento di settore. 

In totale 8 sono le persone denunciate all’Autorità giudiziaria di Siracusa per reati ambientali, poiché collaboravano all’illecito smaltimento dei rifiuti. 

Inoltre il personale del Nucleo Carabinieri Forestali CITES di Catania ha sequestrato 4 esemplari di tartarughe di specie protetta, detenuti dal 66enne senza la prevista documentazione, e riscontrato la presenza di 3 tartarughe palustri di specie esotica invasiva per le quali, l’uomo, non ha denunciato la detenzione incorrendo, quindi, nella violazione amministrativa prevista dalla legge, oltre alla denuncia all’Autorità giudiziaria aretusea per ricettazione e per detenzione abusiva di animali di specie protetta.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *