Porto Empedocle, area ex Italcementi: incontro in Prefettura tra sindacati, Comune e Confindustria

Redazione

Porto Empedocle

Porto Empedocle, area ex Italcementi: incontro in Prefettura tra sindacati, Comune e Confindustria

di Redazione
Pubblicato il Feb 6, 2019
Porto Empedocle, area ex Italcementi: incontro in Prefettura tra sindacati, Comune e Confindustria

Il segretario della Cisl di Agrigento Maurizio Saia è intervenuto in seguito al tavolo tecnico – nell’ambito della manifestazione di interesse per l’avvio di una nuova attività produttiva nell’area dismessa dell’ex Italcementi – in cui hanno preso parte le sigle sindacali, il Comune di Porto Empedocle e Confindustria.

“Alla presenza del Prefetto di Agrigento Dott. Dario Caputo, abbiamo incontrato i dirigenti dell’ex Italcementi e il Sindaco di Porto Empedocle per fare un punto della situazione alla luce della comunicazione ricevuta dall’amministrazione comunale, sulla presunta manifestazione di interesse per l’avvio di una nuova attività produttiva in una parte dismessa dell’area ex Italcementi.

Il dott.re Agate in rappresentanza della proprietà ci ha informato che l’Italcementi ha ricevuto diverse manifestazioni di interesse ma, ad oggi, nessuna si è tradotta in una proposta di alienazione dell’area. L’ultima in ordine di tempo, rappresentata oggi in prefettura dall’amministrazione comunale, non ha visto ancora l’incontro tra le parti, ma solo qualche contatto telefonico per programmare un incontro che avverrà nei prossimi giorni.

Pertanto, si prevedono tempi lunghi e qualora le parti raggiungessero l’acccordo, per entrare in produzione, occorrerebbero a detta del rappresentante Italcementi,almeno 23 autorizzazioni che richiederebbero almeno 3 o 4 anni.

Quindi al momento l’unica soluzione veloce, per il reinserimento dei 18 ex lavoratori nel mercato del lavoro, rimane la ripresa del mercato del cemento.

Ma anche qui, le notizie non sono positive, il mercato continua la sua discesa, sopratutto in Sicilia, a causa del crollo del settore delle costruzioni. Inoltre, ci veniva rappresentato che nell’ultimo anno lo stabilimento di Porto Empedocle ha registrato una perdita di 3 milioni 500 mila euro con una previsione futura ancor più negativa.

In attesa dello sviluppo delle nuove trattative, la Cisl e la Filca Cisl rappresentate dal segretario territoriale Maurizio Saia, Franco Sodano e Giuseppe Sanfilippo, hanno rappresentato la necessità di realizzare un percorso che abbia una visione di sviluppo più ampia di quell’area e che veda coinvolta l’amministrazione comunale, invitata a fare una proposta alla ex Italcementi per l’acquisizione dell’intera area per sviluppare un progetto industriale attraverso specifici finanziamenti previsti e creare un’area franca che veda una detassazione per nuovi investimenti e per attrarre nuovi capitali.

Siamo in linea con la proposta di Confindustria, rappresentata dal direttore Giacomo Minio che ha prospettato un’idea progettuale a regia unicamente pubblica, con il coinvolgimento delle parti sindacali e datoriali per l’elaborazione di un’idea di sviluppo a medio termine che possa usufruire delle competenze e delle risorse di Sviluppo Italia.

Riteniamo che il processo di reindustrializzazione dell’area non possa essere demandato alla ex Italcementi, che chiaramente ha un’altra mission e che ha l’obiettivo di dismettere l’area non utilizzata da cedere, ovviamente, al migliore offerente senza valutare progetti e investimenti.Nel pomeriggio è stato rinnovato l’accordo che impegna il colosso industriale, a collocare l’ex personale nelle attività appaltate alle ditte esterne, accordo che ha permesso in questi anni l’occupazione saltuaria di 5/6 unità per un terzo delle ore complessivamente appaltate.”


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04