Usura ed estorsione a Licata: ok alle intercettazioni

Redazione

Usura ed estorsione a Licata: ok alle intercettazioni
| Pubblicato il giovedì 03 Dicembre 2020

Usura ed estorsione a Licata: ok alle intercettazioni

Una delicata inchiesta che ha scavato nel mondo dell’usura licatese.
di Redazione
Pubblicato il Dic 3, 2020

Via libera alle intercettazioni nel processo scaturito dal fermo di Antonino e Paolo Greco, padre e figlio di Licata, finiti sul banco degli imputati con l’accusa di usura e per il solo genitore anche estorsione aggravata dal metodo mafioso. Lo hanno stabilito i giudici della seconda sezione penale del Tribunale di Agrigento che hanno rigettato l’istanza dell’avvocato Lumia.

Una delicata inchiesta che ha scavato nel mondo dell’usura licatese. Il fermo si rese necessario perché, qualche giorno prima, i due avrebbero imposto una sorta di ultimatum ad una loro vittima: “O paghi entro il 12 maggio o avrai gravi conseguenze per te e i tuoi familiari”. Paolo Greco l’8 marzo del 2019, agendo con il volto coperto da passamontagna, avrebbe sparato alcuni colpi di pistola, una scacciacani modificato, contro poliziotti e solo l’intervento dei colleghi che agivano sotto copertura ha impedito gravi conseguenze. 

di Redazione
Pubblicato il Dic 3, 2020


Copyright © anno 2020 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 187 - 92100 Agrigento;
Numero di telefono 0922822788 - Cell 351 533 9611 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings