Covid, cittadini impugnano al Tar chiusure scuole

Redazione

| Pubblicato il giovedì 13 Gennaio 2022

Covid, cittadini impugnano al Tar chiusure scuole

Per i ricorrenti inoltre il provvedimento amministrativo dei sindaci e' illegittimo perche' la legge nazionale dispone la chiusura delle scuole solo in zone rosse o arancioni
di Redazione
Pubblicato il Gen 13, 2022

Un gruppo di cittadini palermitani, tra i quali diversi avvocati e magistrati, ha impugnato davanti al Tar di Palermo le ordinanze con cui i sindaci del capoluogo siciliano e di Agrigento hanno disposto la chiusura delle scuole in contrasto con le indicazioni del Governo.

I ricorrenti, rappresentati dall’avvocato Fabrizio Dioguardi, sostengono innanzitutto che il decreto legge con cui l’esecutivo il 7 gennaio ha disciplinato l’attivita’ scolastica in tempo di pandemia al fine di “prevenire il contagio” e di garantire la scuola “in presenza” “esclude che possa restare spazio per l’emanazione di ordinanze contingibili che vengano a regolare diversamente i medesimi settori di attivita’ e che – stante la loro astratta natura ‘contingibile’ – presuppongono che non sia possibile individuare una diversa ‘regola’ della fattispecie”.

“Le ordinanze emergenziali – si legge nel ricorso – si giustificano nell’ordinamento solo ove ricorra, oltre all’urgenza, la mancanza di altra regola che abbia previsto la fattispecie e l’abbia regolata”. “Non residua spazio alcuno per disciplinare diversamente l’attivita’ scolastica in stato di emergenza sanitaria, in quanto interamente e minutamente regolata dalle disposizioni di rango primario, tenuto conto che la scelta del livello di tutela dell’interesse primario alla salute, individuale e collettiva, e il punto di equilibrio del bilanciamento tra diversi valori e’ gia’ stata operata, appunto, a livello di normazione primaria, dal legislatore nazionale, che ha operato una scelta libera ad esso rimessa e insindacabile dal giudice”, spiega il ricorso. Per i ricorrenti inoltre il provvedimento amministrativo dei sindaci e’ illegittimo perche’ la legge nazionale dispone la chiusura delle scuole solo in zone rosse o arancioni e previo parere dell’ASP. E la Sicilia al momento non e’ classificata zona rossa o arancione. Infine, si legge nel ricorso “non risulta siano state assunte misure restrittive di altre attivita’ (con l’assurda possibilita’ che i ragazzi possano comunque incontrarsi fuori dall’ambiente scolastico, anche in strutture pubbliche di proprieta’ comunale, e contagiarsi egualmente)”.

“Le rappresentate difficolta’ del sistema sanitario, – conclude l’impugnazione che chiede la sospensione delle ordinanze – lungi dal giustificare l’adozione della misura sospensiva, dimostrano piuttosto la carente previsione di adeguate misure preordinate a scongiurare il rischio, ampiamente prevedibile, di ‘collasso’ anche sul sistema dei trasporti, con la conseguente confermata impossibilita’ di qualificare ‘contingibile’ una misura dichiaratamente volta ad evitare un pericolo ampiamente prevedibile solo a voler considerare il recente passato”.

di Redazione
Pubblicato il Gen 13, 2022


Copyright © anno 2020 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 187 - 92100 Agrigento;
Numero di telefono 0922822788 - Cell 351 533 9611 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings

Realizzazione sito web Digitrend Srl