Elezioni amministrative a Racalmuto, si ricandida Salvatore Petrotto

Redazione

Commenti

Elezioni amministrative a Racalmuto, si ricandida Salvatore Petrotto

di Redazione
Pubblicato il Feb 8, 2019
Elezioni amministrative a Racalmuto, si ricandida Salvatore Petrotto

Si scaldano i motori per le elezioni amministrative a Racalmuto.

Dopo ben tre volte sindaco del paese sciasciano, torna a ricandidarsi Salvatore Petrotto, sindaco in carica sino al 2011 sino allo scioglimento per infiltrazioni mafiose.

Ho fatto sempre gli interessi dei cittadini, e adesso devono essere loro stessi a risalire la china insieme a me, e a far rinascere il Paese a 360°, dove il primo prerequisito sarà l’onestà. Non c’è nessuna voglia di rivincita, dichiara Petrotto, sarò l’avvocato di ogni racalmutese, mi batterò per la tassa sui rifiuti, ripartiremo dal Teatro Regina Margherita dove prima si facevano spettacoli e adesso è chiuso, ripartiremo dalla Fondazione Sciascia, ma è importante ripartire dai collegamenti stradali, vedi la strada di Montedoro, o la strada che porta a Milena che da quando sono andato via non è stato fatto nulla, nemmeno un rattoppo. La mia disponibilità c’è, sopratutto per affermare, sottolinea Petrotto, giustizia sociale e quello stato di diritto che attualmente nelle sedi processuali sto affermando con la mia costituzione a parte civile contro coloro i quali hanno contribuito, in maniera diretta o indiretta, allo scioglimento del consiglio comunale di Racalmuto, che non è stato altro che una grande impostura; ho chiesto all’attuale sindaco di fare lo stesso, di costituirsi parte civile, ma lui non lo ha fatto. Quello che chiedo ai Racalmutesi è: dov’è la dignità politica? Qual’è la prospettiva per questo paese? Bisogna recuperare la fiducia, c’è un clima infame messo ad arte per far si che il Paese sprofondi”.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04