“Pizza Qualità Siciliana”, pizzaioli in cattedra all’alberghiero di Bivona

Redazione

Costume

“Pizza Qualità Siciliana”, pizzaioli in cattedra all’alberghiero di Bivona

di Redazione
Pubblicato il Mag 22, 2019
“Pizza Qualità Siciliana”, pizzaioli in cattedra all’alberghiero di Bivona

Valorizzare e favorire l’utilizzo di prodotti agroalimentari locali per fare la “Pizza Qualità Siciliana”. Se ne è parlato ieri a Bivona, all’Istituto d’istruzione secondaria “Luigi Pirandello” indirizzo “Enogastronomia e ospitalità alberghiera”, durante la nuova giornata di formazione per la valorizzazione dei prodotti del territorio promossa dalla Cifa Unione Pizzaioli Italiani. Sono intervenuti Stefano Catalano, presidente Cifa Unione Pizzaioli Italiani; Lillo Maragliano storico del comitato tecnico Upi; il pizzaiolo Andrea Giannone di Cianciana; i pizzaioli acrobatici Giuseppe Cuffaro di Favara e Antonio Lupo di Agrigento. La giornata di formazione, suddivisa tra teoria e pratica, si è conclusa con la degustazione di pizza, pane e prodotti del territorio Sicano; hanno collaborato i professori: Michele Barbera, Francesco Gallo, Salvatore Argento, Calogero Monterosso. Nell’occasione è stato assegnato il primo bollino “Pizza Qualità Siciliana” alla pizza Sicana.

 “La pizza – ha spiegato Stefano Catalano, presidente della Cifa Unione Pizzaioli Italiani – è uno dei più antichi alimenti, nasce col pane e ne segue la storia. Il significato di Pizza Qualità Siciliana è preparare la pizza con i prodotti che caratterizzano  il territorio siciliano: un piano che porta benefici alla microeconomia bloccando lo spopolamento delle campagne, all’ambiente visto che i nostri grani autoctoni non hanno bisogno di trattamenti fitosanitari, alla salute dei consumatori perché è previsto l’utilizzo di materie prime e prodotti principalmente naturali. Insomma, utilizzare la pizza come alimento per promuovere i prodotti locali a filiera corta: come le farine, il pomodoro  a Siracusa, per esempio, quello di Pachino, nell’Agrigentino il pomodoro siccagno, gli aromi nostrani, l’olio extravergine d’oliva, i formaggi, le mozzarelle e le tume locali. Importante che la pizza a marchio qualità siciliana, o meglio la pizza del territorio, si caratterizza  con un ingrediente del proprio territorio siciliano di appartenenza. Abbiamo già organizzato i primi due corsi di formazione per la preparazione della Pizza Qualità Siciliana e altri ne organizzeremo a breve”.

L’obiettivo è formare i professionisti del settore nella preparazione della pizza con il marchio di qualità “Pqs”, il disciplinare  prevede sostanzialmente l’utilizzo di farine da grani siciliani e prodotti del territorio come formaggi, salsa di pomodoro, olio extra vergine di oliva, ortaggi, salumi, una corretta lievitazione sulla base di parametri ben definiti. Il corso è stato incentrato sull’utilizzo delle farine di grani locali nella preparazione delle pizze e focacce di qualità siciliana a tutela dei consumatori e dell’ambiente.

“La formazione professionale –  ha detto l’assessore regionale all’Istruzione e alla Formazione Roberto Lagalla – è certamente importante in tutti i settori e in particolar modo nel settore alimentare. Già nel dicembre 2017 abbiamo approvato il profilo professionale di pizzaiolo definendo la professione in modo più chiaro e dettagliato evitando così di lasciare spazio all’improvvisazione in questo settore particolarmente delicato. Stiamo continuando a confrontarci con le associazioni di categoria al fine di migliorare ulteriormente  questa qualificazione professionale e i relativi percorsi formativi”.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04