Cultura

Agrigento2025: al via gli incontri sulla Storia della Chiesa Agrigentina

Gli eventi si svolgeranno al Circolo Culturale Empedocleo

Pubblicato 1 settimana fa

Con l’avvicinarsi del 2025, anno in cui Agrigento sarà celebrata come Capitale della Cultura in Italia, il Circolo Culturale Empedocleo si impegna a promuovere la conoscenza e l’apprezzamento della ricca storia della città con una serie di iniziative culturali ed educative. In questo contesto si colloca il primo incontro sulla storia della Chiesa agrigentina, che avrà luogo giovedì 4 aprile, alle ore 17.30, presso la sede del Circolo in via Atenea (piazza San Giuseppe).

Il corso sarà inaugurato dalla conferenza “Le tre età della Chiesa ad Agrigento”, tenuta da Don Vincenzo Lombino, illustre docente presso la Pontificia Facoltà Teologica di Sicilia di Palermo e presso lo Studio Teologico San Gregorio Agrigentino di Agrigento. La conferenza mira a esplorare i principali momenti storici e le figure chiave che hanno segnato il cammino ecclesiale della diocesi agrigentina.

L’evento vedrà la partecipazione dell’Arcivescovo di Agrigento, Sua Eccellenza Mons. Alessandro Damiano, a testimonianza dell’importanza che la Chiesa attribuisce alla diffusione della conoscenza della propria storia come veicolo di cultura e spiritualità.

La moderazione dell’incontro è affidata a Adalgisa Biondi, nota storica e scrittrice, che guiderà il pubblico attraverso i temi trattati, offrendo spunti di riflessione e approfondimento.

Il presidente del Circolo Culturale Empedocleo, Giuseppe Adamo, presenterà questa iniziativa come parte del più ampio programma di eventi volti a valorizzare il patrimonio culturale e storico di Agrigento, città che si appresta a rivestire un ruolo di primo piano nel panorama culturale italiano.

L’evento è aperto a tutti coloro che sono interessati a scoprire le radici storiche e spirituali di Agrigento e a contribuire al dialogo culturale in vista dell’importante appuntamento del 2025.

Vi aspettiamo per condividere insieme questo momento di conoscenza e di celebrazione della nostra identità culturale.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *