Agrigento: una serata tra poesia, i Borbone e cabaret

Diego Romeo

Agrigento

Agrigento: una serata tra poesia, i Borbone e cabaret

di Diego Romeo
Pubblicato il Mar 16, 2019
Agrigento: una serata tra poesia, i Borbone e cabaret

Serata d’eccezione quella di venerdi sera ad Agrigento con la presentazione del libro di poesie di Margherita Biondo, l’invito di Rosario D’Ottavio a rimembrare il periodo dei Borboni nella nostra città e infine al Posta vecchia lo spettacolo-cabaret  di Simona Carisi. 

D’Ottavio  smentisce l’aura negativa  che ci è stata tramandata sui Borbone presenti nel sud Italia  all’indomani del Congresso di Vienna sino al suo tramonto con la conquista della Sicilia da parte delle camicie rosse di Garibaldi nel 1860. La ricostruzione storica di Rosario D’Ottavio si concentra soprattutto sulle vicende della città di Girgenti, che i Borbone elevarono nel 1817 al rango di capovalle.

Si ricorda la costruzione del Viale della Vittoria, la ristrutturazione del molo di Girgenti con la strada che lo collegava al Rabato insieme alla costruzione di giardini pubblici come l’ormai scomparsa Villa Garibaldi. Nel 1835 fu costruito il “Casino Empedocleo’’ in via Atenea con il bel prospetto neoclassico ideato da “Raffaello Politi”. Questa struttura, punto d’incontro dell’alta aristocrazia borbonica e della meglio borghesia girgentina dell’epoca, ospitò nel 1838, il re e la regina, quando visitarono la città, per un ballo in loro onore, organizzato dagli amministratori e dai notabili.

Coadiuvata da proiezioni di foto dell’epoca e dai siparietti musicali di Pablo Orrego, la esposizione storica di D’Ottavio scorre leggera e comprensibile per il numeroso pubblico  che affollava il salone del Collegio dei Filippini. Altro pubblico e con ben altre attese quello del Circolo Empedocleo  dove Salvo Di Salvo presentava la silloge poetica “L’amore imperfetto” di Margherita Biondo.  Relatori Fausto D’Alessandro, Angela Megna, Alessandro Mario, Antonio Liotta e l’attrice Giusy Carreca  che si rivela sempre necessaria e impareggiabile interprete.

Presentazione libro di Margherita Biondo

Ed è Fausto D’Alessandro a tenere desta l’attenzione dei convenuti  ampliando la prefazione che aveva già scritto per il libro. Lo psichiatra agrigentino riferisce  di una silloge “che si innesta nell’universo di ognuno fatto di certezze e incertezze, sofferenza e speranza”.

Margherita Biondo – fa osservare D’Alessandro – “abita i cieli contigui di un altro suo personaggio del romanzo“Veronica che guardava cadere la pioggia” e in attesa di altre metamorfosi mentali e artistiche concretizza la sua entità in una esistenza agile, veloce e faticosa di lavoro, di attenzione e premure per i suoi studenti, di dedizione alla madre. Generosa e rigorosa si divide tra la vita per altri, la pittura e la narrazione che la sua fantasia intelligente le propone”.

Ben altra atmosfera “scatasciante” al Posta vecchia dove andava in scena “E sono uccelli senza zucchero” di e con l’indiavolata Simona Carisi che anche questa volta riesce ad affinare il suo straripante talento di attrice e di “enterteiner”.

Autocensurandosi con ironia, Simona Carisi  porta i suoi “cazzi amari” ad un livello di ebollizione tale che i suoi compagni di scena  faticano a starle dietro. E comunque risultano sempre bravi e appropriati e gradevoli, a iniziare da Angelita Butera, Peppe Sciortino, Franco Sodano e la partecipazione straordinaria di Alessandro Patti, voce e piano della formazione “Patti Singers”.

Un po’ vecchiotti e dal mordente usurato dai tempi, alcuni  testi  “resuscitati “ da Franco Capitano  che sembrano venire fuori come i “babbaluci” dopo la pioggia.  Con altri testi, più adeguati  ai tempi “geniali” che attraversiamo, lo spettacolo della Carisi sarebbe stato da “antologia”. Ciononostante ha  registrato  il tutto esaurito, confermando che è quasi impossibile resistere alla “disperazione della risata”.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04