banner-emergenza-coronavirus

Depuratore fantasma e milioni di euro al vento: 11 indagati

Redazione

Enna

Depuratore fantasma e milioni di euro al vento: 11 indagati

di Redazione
Pubblicato il Mar 10, 2020
Depuratore fantasma e milioni di euro al vento: 11 indagati

Non sono bastati 15 milioni di euro e trent’anni di tempo per far funzionare i depuratori dell’area di sviluppo industriale di Dittaino. E’ quanto emerso da indagini di militari del Gruppo della Guardia di Finanza di Enna, coordinate dal procuratore Massimo Palmeri e dai sostituti Salvatore Interlandi e Daniela Rapisarda, sulla riconversione dell’impianto di depurazione gia’ esistente al locale Consorzio Asi. Che sono sfociate nell’iscrizione del registro degli indagati di undici persone, per falsita’ in atto pubblico e frode nelle pubbliche forniture, tra tecnici e funzionari pubblici che nel tempo hanno rivestito le cariche di Rup, progettisti, direttore dei lavori, componenti la commissione di collaudo e di commissario ad acta del consorzio Asi della provincia di Enna.

Tutti sono stati segnalati alla Procura Regionale della Corte dei Conti per danno erariale cagionato alla Regione Siciliana stimato dalla guardia di finanza in 4.935.370,12 euro, il totale delle somme effettivamente erogate. “Le criticita’ rilevate – afferma la Procura di Enna – offrono un quadro disarmante di tutta la vicenda, da ascrivere alla condotta illecita tenuta dai soggetti tecnicamente, e giuridicamente, preposti alla realizzazione delle varie fasi del progetto i quali, dopo aver consentito l’avvio dei lavori, non hanno – in relazione alle specifiche funzioni e competenze – operato e/o vigilato affinche’ venissero posti in essere tutti gli adempimenti necessari alla completa realizzazione dell’opera ed al regolare funzionamento del progetto”. I lavori erano iniziati il 18 marzo 2009 e si sarebbero dovuti concludere dopo 242 giorni, ma sono proseguiti fino al 9 novembre 2012.

“Le opere – ricorda la Procura di Enna – venivano collaudate, con esito positivo, solo il 21 settembre 2013, nonostante gli impianti risultavano non funzionanti e inefficienti, per mancanza di canali di adduzione dei reflui all’impianto di depurazione”.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings