Connect with us
Giudiziaria

Faida Favara-Liegi, al via il processo d’Appello per 6 imputati 

La difesa chiede una nuova trascrizione delle intercettazioni

Pubblicato 5 giorni fa

Si è aperto questa mattina, davanti i giudici della Corte di Assise di Appello di Palermo presieduta da Angelo Pellino, il secondo grado di giudizio a carico dei sei imputati (rito abbreviato) coinvolti nella tristemente nota faida “Favara-Liegi”. Si tratta del procedimento scaturito dall’operazione “Mosaico”, eseguita dalla Squadra Mobile di Agrigento, che ha fatto luce su una lunga scia di sangue che dal 2016 al 2018 è stata caratterizzata da quattro omicidi e altrettanti agguati andati a vuoto.

Sul banco degli imputati siedono: Antonio e Calogero Bellavia, 51 e 33 anni di Favara (condannati all’ergastolo in primo grado); Calogero Ferraro, ritenuto uno dei membri del clan Bellavia (condannato a 14 anni in primo grado); Carmelo Nicotra, scampato miracolosamente ad un agguato nel maggio 2017 (condannato a 5 anni e 4 mesi in primo grado); Gerlando Russotto (condannato a 6 anni in primo grado); Salvatore Vitello, titolare di un camping e b&b a San Leone, accusato di ricettazione e incendio (condannato a 2 anni e 4 mesi in primo grado).

E sono stati proprio i legali di quest’ultimo, gli avvocati Angelo Farruggia e Annalisa Russello, a chiedere alla Corte una nuova trascrizione delle intercettazioni che riguardano la posizione dell’imprenditore ritenendole in parte errate. Per questo motivo è stata anche prodotta una perizia di parte. Analoga richiesta è stata avanzata dall’avvocato Giuseppe Barba, nell’interesse di Calogero Bellavia. La Procura Generale, rappresentata da Rita Fulantelli, si è opposta alla richiesta della difesa chiedendo altresì la sospensione dei termini di custodia cautelare vista la complessità del processo. La Corte scioglierà la riserva il prossimo 27 febbraio.

Rispetto al giudizio di primo grado il numero degli imputati scende a sei in seguito all’assoluzione, divenuta definitiva, di Calogero Gastoni. Quest’ultimo, per il quale era stato inizialmente l’ergastolo, era accusato di aver ucciso Emanuele Ferraro avvenuto nel marzo 2018. Un altro imputato, Carmelo Vardaro, ha scelto la via del rito ordinario ed è attualmente a processo davanti i giudici della Corte di Assise di Agrigento.

LA SENTENZA DI PRIMO GRADO

In primo grado il gup del tribunale di Palermo, Nicola Aiello, ha condannato all’ergastolo Antonio e Calogero Bellavia, 51 e 33 anni di Favara. I due cugini sono stati ritenuti responsabili dell’omicidio di Mario Jakelich e del tentato omicidio di Maurizio Di Stefano, avvenuti nel settembre 2016 a Liegi, ma sono stati assolti per l’omicidio dell’empedoclino Carmelo Ciffa, ucciso a Favara il 26 ottobre 2016. Quattordici anni di reclusione sono stati inflitti a Calogero Ferraro, ritenuto uno dei membri del clan Bellavia ed accusato del tentato omicidio di Carmelo Nicotra e Maurizio Distefano; 5 anni e 4 mesi sono stati inflitti a Carmelo Nicotra, scampato miracolosamente ad un agguato nel maggio 2017 in via Torino a Favara, ma che non ha mai collaborato con la giustizia e ha sempre nascosto l’identità dei suoi attentatori (assolto dall’associazione per delinquere); 6 anni di reclusione a Gerlando Russotto (l’accusa ne chiedeva 16) e 40 mila euro di multa; 2 anni e 4 mesi, invece, sono stati inflitti all’imprenditore Salvatore Vitello, titolare di un camping e b&b a San Leone, accusato di ricettazione e incendio. Secondo gli inquirenti Vitello, proprietario di un noto camping a San Leone, avrebbe aiutato Carmelo Nicotra ad occultare e incendiare la Renault Modus utilizzata per accompagnare Carmelo Nicotra, vittima dell’agguato del maggio 2017, all’ospedale. 

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

06:33
23:30 - Belìce, “terra di mezzo” tra Agrigento e Trapani, dove MDM stava al sicuro +++19:53 - Messina Denaro e le sue identità, trovati documenti intestati ad altri +++16:53 - Bruciato vivo mentre dormiva sotto portico, nessun risarcimento alle figlie +++16:50 - Sicilia, Michele Cimino nuovo commissario dei consorzi Asi +++15:55 - Estorsione di 15 mila euro dopo aver urtato l’auto della donna di un mafioso: arrestato  +++15:20 - Raffadali, spara e uccide il figlio: chiesti 24 anni per poliziotto +++15:19 - Esplosione e incendio in una villa: ferito un agrigentino +++15:03 - Minore sorpreso a spacciare scoppia in lacrime, arrestato +++13:39 - Valle del Belìce, La Rocca Ruvolo: ok emendamento per fronteggiare danni tromba d’aria di settembre +++13:38 - Le immagini del covo di Matteo Messina Denaro +++
23:30 - Belìce, “terra di mezzo” tra Agrigento e Trapani, dove MDM stava al sicuro +++19:53 - Messina Denaro e le sue identità, trovati documenti intestati ad altri +++16:53 - Bruciato vivo mentre dormiva sotto portico, nessun risarcimento alle figlie +++16:50 - Sicilia, Michele Cimino nuovo commissario dei consorzi Asi +++15:55 - Estorsione di 15 mila euro dopo aver urtato l’auto della donna di un mafioso: arrestato  +++15:20 - Raffadali, spara e uccide il figlio: chiesti 24 anni per poliziotto +++15:19 - Esplosione e incendio in una villa: ferito un agrigentino +++15:03 - Minore sorpreso a spacciare scoppia in lacrime, arrestato +++13:39 - Valle del Belìce, La Rocca Ruvolo: ok emendamento per fronteggiare danni tromba d’aria di settembre +++13:38 - Le immagini del covo di Matteo Messina Denaro +++