Connect with us
Giudiziaria

Falsi incidenti per ottenere assicurazione, 16 condanne

Una banda che simulava incidenti stradali per truffare le compagnie di assicurazione

Pubblicato 3 settimane fa

Sedici condanne e quattro assoluzioni. Con questa decisione del gup Clelia Maltese si è chiuso il processo in abbreviato a una banda che simulava incidenti stradali per truffare le compagnie di assicurazione in diverse province italiane tra le quali Palermo, Novara, Torino, Vercelli e Milano. Le indagini sono state condotte dai poliziotti del commissariato palermitano di Brancaccio e hanno svelato l’esistenza dell’ennesima maxitruffa alle compagnie.

In alcuni dei raggiri gli indagati procuravano a persone compiacenti fratture agli arti per rendere più convicente la ricostruzione del sinistro. Negli anni sono state diverse le organizzazioni criminali di “spaccaossa” che hanno usato questo escamotage e sono state smascherate dagli inquirenti. L’inchiesta che ha portato al processo odierno è partita nell’aprile 2020, quando un uomo cercò di aprire un conto corrente all’ufficio postale di via Galletti, a Palermo, utilizzando una carta d’identità taroccata. Alle indagini hanno collaborato due delle persone che hanno acconsentito a subire menomazioni e fratture per intascare il premio dell’assicurazione.

Sono stati condannati Matteo Corrao a 8 anni e 4 mesi, Vincenzo Maccarone a 8 anni, Giuseppe Zizza a 8 anni, Girolamo Faia a 5 anni, 9 mesi e 10 giorni, Luca Poerio a 4 anni e 8 mesi, Giuseppe Messina a 2 anni 8 mesi, Vincenzo Aiello a 8 mesi, pena sospesa, Giuseppa Ales a 1 anno, pena sospesa, Domenico Baldo a 1 anno e 4 mesi, pena sospesa, Lorenzo Catalano 1 anno e 8 mesi, pena sospesa, Franca Silvana Gnoffo a1 anno, pena sospesa, Ferdinando Lo Iacono a 1 anno, pena sospesa, Antonio Mussumarra a 1 anno, pena sospesa, Salvatore Picone a 1 anno e 4 mesi, pena sospesa, Rita Scasso a 1 anno, pena sospesa, Maria Spinelli a 1 anno, pena sospesa. Sono stati assolti Giovanna Pisciotta, Lucia Pancari, Angelo Geloso e Rosolino Napoli. 

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14:31
13:57 - Morte Marrali, il sindaco Galanti: “la città perde un uomo straordinario” +++12:22 - “La commemorazione di stam…”: l’audio di Messina Denaro contro giudice Falcone +++10:59 - Titolare di un bar legato e rapinato insieme alla madre: caccia ai ladri +++10:45 - “La commemorazione di stam…”: l’audio di Messina Denaro contro giudice Falcone  +++10:35 - Latitanza MDM e borghesia mafiosa: le piste agrigentine +++10:08 - La Scala dei Turchi nel video “L’Addio” di Coma_Cose +++09:49 - Ravanusa, resta ancora in gravi condizioni il tunisino colpito da fucilate +++09:40 - Canicattì, 36enne denuncia per maltrattamenti marito violento  +++09:30 - Licata, mette in vendita oggetto su internet ma gli vengono sottratti 800 euro  +++09:20 - Canicattì, furti di auto e moto: indagano le forze dell’ordine +++
13:57 - Morte Marrali, il sindaco Galanti: “la città perde un uomo straordinario” +++12:22 - “La commemorazione di stam…”: l’audio di Messina Denaro contro giudice Falcone +++10:59 - Titolare di un bar legato e rapinato insieme alla madre: caccia ai ladri +++10:45 - “La commemorazione di stam…”: l’audio di Messina Denaro contro giudice Falcone  +++10:35 - Latitanza MDM e borghesia mafiosa: le piste agrigentine +++10:08 - La Scala dei Turchi nel video “L’Addio” di Coma_Cose +++09:49 - Ravanusa, resta ancora in gravi condizioni il tunisino colpito da fucilate +++09:40 - Canicattì, 36enne denuncia per maltrattamenti marito violento  +++09:30 - Licata, mette in vendita oggetto su internet ma gli vengono sottratti 800 euro  +++09:20 - Canicattì, furti di auto e moto: indagano le forze dell’ordine +++