Connect with us
Mafia

Mafia, lo sgarro alla moglie del boss e la lezione agli “zingari” di Castrofilippo 

La punizione chiesta e ottenuta dal capomafia nei confronti di un criminale comune appartenente alla comunità degli “zingari” di Castrofilippo

Pubblicato 2 settimane fa

Nel corso dell’indagine Condor, che ha portato all’arresto di nove persone accusate a vario titolo di voler riorganizzare cosa nostra e stidda in provincia di Agrigento, emerge anche la capacità operativa della cosca di Favara capeggiata dal boss Giuseppe Sicilia. 

In particolare, le cimici installate sull’autovettura, portano alla luce la punizione chiesta e ottenuta dal capomafia nei confronti di un criminale comune appartenente alla comunità degli “zingari” di Castrofilippo. L’uomo, infatti, si sarebbe reso protagonista della cosiddetta truffa dello specchietto ai danni della moglie del boss. Uno sgarro che non si poteva lasciar passare. 

È il 10 maggio 2019 e Giuseppe Sicilia, insieme al cognato Domenico Lombardo, si reca a Castrofilippo alla ricerca del responsabile. Per individuare i truffatori i due si mettono alla ricerca di “Jack” e “Giuggiu”, due esponenti della cosca locale. Il primo è il cugino dell’ex sindaco mafioso Ippolito mentre il secondo era stato già indicato dal collaboratore di giustizia Maurizio Di Gati quale appartenente alla mafia di Castrofilippo. 

La ricerca andrà a buon fine e il truffatore sarà individuato. A svelarlo sono gli stessi indagati che, intercettati in auto, commentano così quanto avvenuto: “Hai visto appena lo ha visto che botta in testa gli ha dato..”

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20:01
20:10 - In tanti hanno avuto rapporti con Matteo Messina Denaro ma tutti non sapevano +++20:01 - Grotte, installato il primo eco-compattatore “Mangiaplastica” +++17:54 - Akragas fermata in casa dal Casteldaccia: perso primato +++16:49 - Castronovo e Farulla (Circolo PD Palma): “Con Bonaccini per il rilancio di un partito  popolare e aperto” +++16:16 - Messina Denaro, una donna: “L’ho frequentato, non sapevo fosse lui” +++15:24 - Le associazioni “Motorlife” e “L’angelo Federico onlus” nei corridoi dell’Ospedale San Marco +++15:03 - Minaccia con coltello la moglie, arrestato +++12:41 - Calcio a 5, vittoria per il Città di Canicattì contro il Pedara +++11:28 - Caso Suv, la Corte dei Conti cita due dirigenti del Comune: “Soldi sperperati” +++10:57 - Sambuca di Sicilia, rubate due moto da cross: indagini in corso +++
20:10 - In tanti hanno avuto rapporti con Matteo Messina Denaro ma tutti non sapevano +++20:01 - Grotte, installato il primo eco-compattatore “Mangiaplastica” +++17:54 - Akragas fermata in casa dal Casteldaccia: perso primato +++16:49 - Castronovo e Farulla (Circolo PD Palma): “Con Bonaccini per il rilancio di un partito  popolare e aperto” +++16:16 - Messina Denaro, una donna: “L’ho frequentato, non sapevo fosse lui” +++15:24 - Le associazioni “Motorlife” e “L’angelo Federico onlus” nei corridoi dell’Ospedale San Marco +++15:03 - Minaccia con coltello la moglie, arrestato +++12:41 - Calcio a 5, vittoria per il Città di Canicattì contro il Pedara +++11:28 - Caso Suv, la Corte dei Conti cita due dirigenti del Comune: “Soldi sperperati” +++10:57 - Sambuca di Sicilia, rubate due moto da cross: indagini in corso +++