Mafia, sorveglianza speciale per boss e cassiere clan Camastra

Redazione

| Pubblicato il martedì 11 Maggio 2021

Mafia, sorveglianza speciale per boss e cassiere clan Camastra

Con obbligo di soggiorno
di Redazione
Pubblicato il Mag 11, 2021

Il Tribunale di Palermo, su proposta del questore di Agrigento, ha applicato la misura della sorveglianza speciale, aggravata con obbligo di soggiorno, a Rosario Meli, 73 anni, e Calogero Piombo, 70 anni,  entrambi di Camastra, condannati a 4 e 3 anni di reclusione perché accusati di essere affiliati a Cosa Nostra. I due sono stati indagati nell’ambito dell’operazione antimafia ‘Vultur’ della Polizia di Stato e arrestati nel luglio 2020.

Meli, detto ‘Saro u puparu’, era già stato condannato nel 1993 in quanto appartenente alla Stidda e nel 2012 è divenuto reggente della compagine stiddara di Camastra occupandosi del racket nel settore delle onoranze funebri. Nel dicembre 2020 è stato condannato in appello a 17 anni e 6 mesi per associazione di tipo mafioso, tentata estorsione aggravata e reati in tema di armi. 

Piombo, considerato il braccio destro di Meli, è stato invece condannato per associazione di tipo mafioso e tentata estorsione aggravata a 13 anni e 6 mesi. Nella sua tabaccheria si svolgevano summit delle consorterie mafiose. Il Tribunale di Palermo, accogliendo la proposta del questore, ha disposto il divieto di ottenere e la decadenza da licenze pubbliche ed autorizzazioni di commercio anche nei confronti dei familiari.  

di Redazione
Pubblicato il Mag 11, 2021


Copyright © anno 2020 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 187 - 92100 Agrigento;
Numero di telefono 0922822788 - Cell 351 533 9611 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings

Realizzazione sito web Digitrend Srl