Mafia

Messina Denaro, 13 anni e 4 mesi alla vivandiera: oltre 6 anni al marito

La donna che e' accusata di avere gestito la latitanza del boss Matteo Messina Denaro a Campobello di Mazara

Pubblicato 2 mesi fa

Il gup di Palermo Stefania Brambille ha condannato a 13 anni e 4 mesi Lorena Lanceri, la donna che e’ accusata di avere gestito la latitanza del boss Matteo Messina Denaro a Campobello di Mazara. Il provvedimento, col rito abbreviato, riguarda anche Emanuele Bonafede, marito della Lanceri, condannato a 6 anni e 8 mesi.

A Lorena Lanceri era stata inizialmente arrestata con l’accusa di favoreggiamento aggravato e procurata inosservanza della pena. Nel corso del procedimento l’accusa – rappresentata dall’aggiunto Paolo Guido e dai sostituti Gianluca De Leo e Pierangelo Padova – aveva richiesto un aggravamento contestando l’associazione mafosa ma il gup ha disposto la condanna per Lanceri riconoscendo l’aggravante di concorso esterno.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *