“Sparò contro poliziotti a Licata”, 23enne chiede confronto con accusatori

Redazione

“Sparò contro poliziotti a Licata”, 23enne chiede confronto con accusatori
| Pubblicato il giovedì 23 Luglio 2020

“Sparò contro poliziotti a Licata”, 23enne chiede confronto con accusatori

di Redazione
Pubblicato il Lug 23, 2020

“Sono sicuro che se mi vedessero in faccia direbbero che io non c’entro niente. Per questo chiedo un confronto con chi mi accusa”. Sono state queste le parole pronunciate da Paolo Greco, 23 anni di Licata, finito sul banco degli imputati con l’accusa di tentato omicidio ai danni di alcuni poliziotti del commissariato di Licata e di altrettanti tecnici intenti a montare – lo scorso 8 marzo – alcune cimici proprio nei pressi dell’abitazione della famiglia Greco. 

Nelle scorse settimana, davanti i giudici della seconda sezione penale del Tribunale di Agrigento presieduta da Wilma Angela Mazzara, erano comparsi proprio i tecnici che avevano sostanzialmente confermato l’impianto accusatorio puntando il dito contro il giovane licatese. Per tale motivo, e per ragioni di sicurezza, i testimoni erano stati fatti entrare in aula da un ingresso separato, in assenza di pubblico e con una tenda che permettesse di non aver contatti con l’imputato. 

“Chiedo anche che i tempi del processo siano normali – dice Greco – non capisco il perché di una udienza a settimana”. 

di Redazione
Pubblicato il Lug 23, 2020


Copyright © anno 2020 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 187 - 92100 Agrigento;
Numero di telefono 0922822788 - Cell 351 533 9611 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings