Connect with us
Palermo

Brucia ancora il traghetto al porto di Palermo, vigili del fuoco entrano in stiva

Brucia ancora nel porto di Palermo la nave Superba della Gnv

Pubblicato 3 settimane fa

Brucia ancora nel porto di Palermo la nave Superba della Gnv, dove sabato sera è divampato un incendio innescato probabilmente da uno dei mezzi che si trovavano nel garage. La novità rispetto alle scorse ore è che in alcune parti dell’imbarcazione la temperatura si è abbassata e ha consentito ai vigili del fuoco di entrare nella stiva. Per il 70% la nave è stata controllata; manca ancora la zona della prua dove oltre ai mezzi sono andati in fiamme alcune cabine. Qui le temperature sono ancora molto alte e i pompieri non riescono per il momenti ad arrivare.

Prosegue intanto l’azione di raffreddamento dall’esterno condotta dai rimorchiatori che con gli idranti sparano acqua sulle paratie. Stremati i vigili del fuoco e i militari della Capitaneria che da 36 ore sono in banchina per cercare di domare le fiamme. Anche per i residenti nella zona del porto c’è la paura che la densa colonna di fumo nero, che li ha costretti a chiudere le finestre, possa contenere sostanze tossiche e rappresentare un pericolo. Sono in tanti a chiedere i controlli dell’Arpa per verificare la qualità dell’aria.

“Da sabato sera nella zona c’è un intenso cattivo odore – dice un residente – siamo stati costretti a chiudere tutto. L’aria è irrespirabile. Ricordo che quando bruciò il traghetto Florio davanti le coste di Palermo dentro c’erano alcuni cavalli che morirono. L’odore intenso trasportato a riva dalle correnti restò per giorni e giorni ad aleggiare nella zona”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

14:39
13:57 - Morte Marrali, il sindaco Galanti: “la città perde un uomo straordinario” +++12:22 - “La commemorazione di stam…”: l’audio di Messina Denaro contro giudice Falcone +++10:59 - Titolare di un bar legato e rapinato insieme alla madre: caccia ai ladri +++10:45 - “La commemorazione di stam…”: l’audio di Messina Denaro contro giudice Falcone  +++10:35 - Latitanza MDM e borghesia mafiosa: le piste agrigentine +++10:08 - La Scala dei Turchi nel video “L’Addio” di Coma_Cose +++09:49 - Ravanusa, resta ancora in gravi condizioni il tunisino colpito da fucilate +++09:40 - Canicattì, 36enne denuncia per maltrattamenti marito violento  +++09:30 - Licata, mette in vendita oggetto su internet ma gli vengono sottratti 800 euro  +++09:20 - Canicattì, furti di auto e moto: indagano le forze dell’ordine +++
13:57 - Morte Marrali, il sindaco Galanti: “la città perde un uomo straordinario” +++12:22 - “La commemorazione di stam…”: l’audio di Messina Denaro contro giudice Falcone +++10:59 - Titolare di un bar legato e rapinato insieme alla madre: caccia ai ladri +++10:45 - “La commemorazione di stam…”: l’audio di Messina Denaro contro giudice Falcone  +++10:35 - Latitanza MDM e borghesia mafiosa: le piste agrigentine +++10:08 - La Scala dei Turchi nel video “L’Addio” di Coma_Cose +++09:49 - Ravanusa, resta ancora in gravi condizioni il tunisino colpito da fucilate +++09:40 - Canicattì, 36enne denuncia per maltrattamenti marito violento  +++09:30 - Licata, mette in vendita oggetto su internet ma gli vengono sottratti 800 euro  +++09:20 - Canicattì, furti di auto e moto: indagano le forze dell’ordine +++