Palermo

Lanciati pacchi con droga e cellulari nel carcere Ucciardone, la denuncia del Sappe

Nei pacchi, lanciati dalle stradine limitrofe, erano nascosti 13 microcellulari dotati di altrettanti cavetti di ricarica oltre a 100 grammi di hashish

Pubblicato 2 settimane fa

Gli agenti di polizia penitenziaria ieri hanno intercettato i lanci di due involucri dentro le mura di cinta del carcere maresciallo Di Bona ,ex Ucciardone, a Palermo. Nei pacchi, lanciati dalle stradine limitrofe, erano nascosti 13 microcellulari dotati di altrettanti cavetti di ricarica oltre a 100 grammi di hashish.

E’ quanto denuncia il sindacato di polizia penitenziaria Sappe. “Dai dati in nostro possesso sappiamo che quasi il 30% delle persone, italiane e straniere, detenute in Italia, ha problemi di droga”, afferma Donato Capece, segretario generale del Sindacato autonomo polizia penitenziaria. Secondo il sindacato servono poliziotti che sappiano contrastare l’utilizzo dei droni e che le carceri siano schermate in modo da non consentire l’utilizzo dei cellulari.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *