Palma di Montechiaro

Controlli serrati negli oleifici agrigentini, scattano cinque denunce e sanzioni

Quattro imprenditori denunciati poichè ritenuti responsabili di diverse violazioni in materia di lavoro, sicurezza e privacy; una denuncia per illecito in materia di smaltimento di rifiuti

Pubblicato 3 mesi fa

L’azione sinergica dei controlli mirati da parte dei reparti territoriali dell’Arma dei Carabinieri durante l’intero periodo della campagna olearia e l’attività ispettiva del Centro Anticrimine Natura di Agrigento hanno determinato una sensibile riduzione del fenomeno dello smaltimento illecito delle acque di vegetazione, seppure la problematica non può certamente dirsi risolta.
Tra le fattispecie di reato più ricorrenti, su un totale di dodici oleifici controllati, i militari del Centro Anticrimine Natura di Agrigento hanno riscontrato: collettamento e scarico di acque reflue di vegetazione dei frantoi oleari in assenza della prescritta autorizzazione allo scarico; stoccaggio, trasporto e smaltimento non autorizzato delle acque di vegetazione dei frantoi oleari al di fuori dei casi e delle procedure previste dalla normativa vigente; inosservanza delle prescrizioni contenute o richiamate nelle autorizzazioni, nonché nelle ipotesi di carenza dei requisiti e delle condizioni richieste per le iscrizioni o comunicazioni.

È il caso di ricordare che le acque di vegetazione opportunamente trattate possono essere utilizzate quale correttore di acidità del terreno e che possono essere oggetto di spandimento nei terreni idrogeologicamente idonei a tale scopo. Anche in questo caso una maggiore consapevolezza delle potenzialità di impiego di questa materia prima secondaria, scongiurerebbe azioni in danno all’ambiente tanto inutili quanto dannose.

Inoltre, le criticità registrate nei fiumi Naro e Magazzolo, e il caso del Bloom algale del lago Arancio, hanno fatto scattare, sempre a cura del Centro Anticrimine Natura di Agrigento, una serie di controlli specifici anche sugli impianti di depurazione.

Anche i Carabinieri della Stazione di Palma di Montechiaro hanno denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Agrigento, per smaltimento di rifiuti non autorizzata, un imprenditore del luogo, titolare di un oleificio con sede legale e operativa a Palma di Montechiaro.
Nel corso di una verifica, effettuata con il supporto del personale dell’A.R.P.A. di Agrigento, i militari hanno accertato che il titolare dell’oleificio, smaltiva illecitamente le acque di vegetazione prodotte dall’attività di estrazione dell’olio. In particolare, a Palma di Montechiaro, i Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Agrigento, nell’ambito della «Vigilanza speciale nel settore agroalimentare-aziende agricole», hanno condotto un’operazione di controllo in tre oleifici della zona, collaborati dai militari della locale Stazione Carabinieri.
L’operazione ha portato alla denuncia in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Agrigento di quattro persone, ritenute responsabili di diverse violazioni in materia di lavoro, sicurezza e privacy. Si tratta di tre titolari e amministratori di oleifici, accusati di aver installato sistemi di videosorveglianza privi di autorizzazione, e di un titolare di ditta di riparazione di impianti oleari, accusato di aver omesso di sottoporre i lavoratori a sorveglianza sanitaria e di aver omesso di consegnare i dispositivi di protezione individuale. Inoltre, è stato individuato un lavoratore italiano in nero.
L’intervento ha comportato anche la comminazione di ammende per complessivi 32.858,00 euro e la contestazione di sanzioni amministrative pari a 3.600,00 euro.
È in corso la verifica sulla posizione di sei lavoratori, impiegati presso gli oleifici controllati. I Carabinieri stanno accertando la regolarità dei rapporti di lavoro, delle retribuzioni, delle contribuzioni e delle assicurazioni. I suddetti controlli e ispezioni continueranno anche nelle prossime settimane.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *