“Uccise cognato per difendere la sorella”: sentite in aula figlia e moglie della vittima

Redazione

“Uccise cognato per difendere la sorella”: sentite in aula figlia e moglie della vittima
| Pubblicato il venerdì 20 Novembre 2020

“Uccise cognato per difendere la sorella”: sentite in aula figlia e moglie della vittima

Il 37enne è accusato di aver ucciso il cognato per difendere la sorella
di Redazione
Pubblicato il Nov 20, 2020

Nuova udienza del processo a carico di Raimondo Burgio, 37enne di Palma di Montechiaro, accusato di aver ucciso il cognato al culmine di una lite nel novembre dello scorso anno. In aula sono comparse moglie e figlia della vittima – Ignazio Scopelliti – per l’audizione quale condizione per accedere al rito abbreviato. Due testimonianze opposte quella di madre e figlia: la prima ha confermato il clima di terrore e violenza che avrebbe subito nel corso del tempo; la figlia, invece, ha escluso questa circostanza.

Burgio, reo confesso, avrebbe sparato due volte all’indirizzo del cognato Ignazio Scopelliti, bracciante agricolo di 47 anni, assassinato con due colpi di pistola in via Palladio, a Palma di Montechiaro, lo scorso 2 novembre. Burgio, in un primo momento era stato posto agli arresti domiciliari  in seguito al suo atteggiamento collaborativo e la particolare situazione vissuta in famiglia anche in considerazione delle numerose denunce che la stessa aveva depositato nei confronti dello Scopelliti.

La misura degli arresti domiciliari fu poi revocata con l’obbligo di dimora. L’imputato è difeso dagli avvocati Francesco Scopelliti e Giovanni Lomonaco.

di Redazione
Pubblicato il Nov 20, 2020


Copyright © anno 2020 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 187 - 92100 Agrigento;
Numero di telefono 0922822788 - Cell 351 533 9611 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings