Politica

Viadotto instabile sulla Palermo-Sciacca, Catanzaro: “Governo disponga urgente verifica”

Lo ha chiesto con una interrogazione urgente il capogruppo Pd all'Ars, Michele Catanzaro, raccogliendo il grido di allarme lanciato nelle scorse ore dai siciliani che ogni giorno percorrono il viadotto Giacalone

Pubblicato 2 settimane fa

“L’Assessorato regionale delle infrastrutture e della mobilità disponga con urgenza le iniziative necessarie per sapere il livello di sicurezza del viadotto Giacalone sulla Palermo-Sciacca”.

Lo ha chiesto con una interrogazione urgente il capogruppo Pd all’Ars, Michele Catanzaro, raccogliendo il grido di allarme lanciato nelle scorse ore dai siciliani che ogni giorno percorrono il viadotto Giacalone, uno dei ponti della strada a scorrimento veloce Palermo Sciacca, in particolare quello sul quale è stata realizzata parte della sede stradale e lo svincolo di Giacalone.

L’arteria stradale è molto frequentata dalle comunità locali ma anche da tantissimi pendolari che ogni giorno raggiungono la provincia di Palermo provenienti dal versante occidentale della provincia di Agrigento e da tutta l’area geografica della Valle del Belice.

“Le segnalazioni video dei cittadini mostrano lo stato di evidente degrado del basamento di uno dei pilastri del ponte – dice Catanzaro – una situazione che al di là delle reazioni istintive del momento, richiede un approfondimento tecnico. Ho chiesto all’Assessorato delle Infrastrutture e della Mobilità di sollecitare un urgente intervento dell’Anas per le opportune verifiche e per relazionare sul livello di sicurezza attuale. Ma occorre anche predisporre il costante monitoraggio di tutti i viadotti presenti nelle strade statali siciliane, gran parte dei quali sono stati realizzati negli anni Sessanta”.

“Invece di concentrarsi solo sul ponte sullo Stretto – commenta Catanzaro – il Ministro Salvini venga a toccare con mano qual’è lo stato delle strade e delle ferrovie siciliane. Pensi in modo concreto e senza slogan a migliorare le infrastrutture della nostra regione”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *