Cammarata

“Prodotti non tracciati”, maxi sequestro di formaggi in caseificio nell’agrigentino 

Oltre cinquemila prodotti non tracciati correttamente, quasi tutti formaggi, sono stati sequestrati in un caseificio tra Cammarata e Santo Stefano Quisquina

Pubblicato 1 settimana fa

Oltre cinquemila prodotti non tracciati correttamente, quasi tutti formaggi, sono stati sequestrati in un caseificio tra Cammarata e Santo Stefano Quisquina. Lo scrive il quotidiano La Sicilia. I carabinieri del Nas, insieme ai colleghi del comando provinciale di Agrigento, hanno effettuato una ispezione nella struttura per verificare la corretta proceduta nella conservazione degli alimenti.

Al termine dell’accertamento, i carabinieri hanno sequestrato oltre cinquemila prodotti privi della necessaria tracciabilità. Al titolare del caseificio, un sessantacinquenne agrigentino, è stata elevata una sanzione amministrativa di 1.500 euro. 

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *