Tenevano in catene il nipote disabile a Naro: zii “aguzzini” ai domiciliari

Redazione

Naro

Tenevano in catene il nipote disabile a Naro: zii “aguzzini” ai domiciliari

di Redazione
Pubblicato il Nov 15, 2019
Tenevano in catene il nipote disabile a Naro: zii “aguzzini” ai domiciliari

I giudici del tribunale del riesame di Palermo hanno scarcerato i due coniugi di Naro, in provincia di Agrigento, arrestati il 26 ottobre con l’accusa di avere segregato in casa il nipote disabile di 33 anni, legandolo al letto con una catena alla caviglia. Nei loro confronti, come chiesto dai difensori, gli avvocati Alba Raguccia e Mauro Tirnetta, la misura e’ stata sostituita con quella degli arresti domiciliari con l’applicazione del braccialetto elettronico.

I giudici hanno ritenuto attenuate le esigenze cautelari in considerazione della sostanziale confessione e della revoca dell’affidamento del nipote da parte del giudice tutelare. “Hanno agito con insensibilita’ e crudelta’ – aveva sottolineato il gip Luisa Turco nel provvedimento di convalida dell’arresto, eseguito dai carabinieri – nei confronti di un giovane disabile, mostrando di essere privi del piu’ elementare senso di pieta’”. 


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04