Canicattì, accusato di atti osceni in carcere: assolto

Redazione

| Pubblicato il mercoledì 17 Febbraio 2016

Canicattì, accusato di atti osceni in carcere: assolto

di Redazione
Pubblicato il Feb 17, 2016

La seconda sezione del Tribunale penale di Palermo, nella persona del Giudice dott. Ferdinando Pedone, ha assolto un canicattinese  dal reato di atti osceni in luogo pubblico.
Il canicattinese era accusato di aver compiuto atti osceni all’interno del carcere “Pagliarelli” di Palermo nell’ottobre del 2010.
All’udienza del 10 febbraio scorso il Giudice, accogliendo la richiesta della difesa, ha emesso sentenza di assoluzione perchè il fatto non è previsto dalla legge come reato.
All’imputato veniva contestato il reato previsto dall’art. 527 CP con la recidiva reiterata infraquinquennale, che prevedeva la pena della reclusione da tre mesi a tre anni.
Il canicattinese è difeso dall’avvocato Angelo Asaro.

di Redazione
Pubblicato il Feb 17, 2016


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings