Imprese balneari in agitazione, Cna Sicilia: “subito riforma per tutela degli attuali concessionari”

Redazione

| Pubblicato il giovedì 25 Novembre 2021

Imprese balneari in agitazione, Cna Sicilia: “subito riforma per tutela degli attuali concessionari”

di Redazione
Pubblicato il Nov 25, 2021

“Subito un Tavolo di concertazione con tutte le Organizzazioni di categoria  per valutare la messa in campo di contenuti e strumenti, nell’ambito dell’attuale ordinamento normativo siciliano,che garantiscano la continuità aziendale delle imprese balneari dell’Isola”. L’Assessore regionale al Territorio e Ambiente, Toto Cordaro, intervenuto in video conferenza,  ha rassicurato l’assemblea di CNA Balneari Sicilia che, riunitasi a Castellammare del Golfo,  ha radunano centina di operatori provenienti dalle 9 province. A fare scattare l’allarme, il recente provvedimento del Consiglio di Stato che ha messo in agitazione gli oltre 3mila imprenditori che gestiscono gli stabilimenti in Sicilia.  Indice puntato contro la sentenza che  disconosce l’estensione della durata delle concessioni balneari per gli stabilimenti fissando un orizzonte temporale strettissimo. Limite che mette a serio rischio la prosecuzione delle attivitàper migliaia di operatori nel territorio nazionale. Oltre al sindaco di Castellammare Nicolò Rizzo, hanno preso parte all’incontro il capogruppo del Pd all’Ars, Giuseppe Lupo, e il senatore della Lega, Francesco  Mollame. In Sicilia, per l’occasione, è arrivato il Coordinatore nazionale di Cna Balneari, Cristiano Tomei.

“Una giornata importante di analisi e di confronto sulla delicata materia, ma anche e soprattutto propositiva – afferma Tomei – alla quale hanno partecipato tantissime imprese che hanno manifestato la loro sofferenza e la loro rabbia. E la ragione è semplice. Investimenti in campo, il lavoro di un’intera vita, una qualità dell’offerta turistica e costiera che rischiano di essere buttate alle ortiche,  di essere vanificate nel momento in cui le concessioni scadranno a dicembre del 2023.  Riteniamo che quando sia già stato stabilito dalla Legge di riordino, la  145 del 2018, e nella Legge di Bilancio 2019 – ha osservato ancora Tomei – si possa tradurre in una riforma che possa prevedere la possibilità di avere contezza di quanto si trovi in campo su tutto il territorio regionale e nazionale per questo settore e soprattutto potere garantire la continuità aziendale delle imprese balneari siciliane e delle 30.000 imprese balnearie italiane”.

In video conferenza ha dato il proprio contributo anche la presidente nazionale di Cna Balneari, Sabina Cardinali. All’assemblea, oltre ai massimi rappresentanti di CNA Trapani e imprenditori e dirigenti  territoriali,  sono intervenuti i vertici regionali della Confederazione, il presidente Nello Battiato, e il segretario Piero Giglione. Quest’ultimo ha sottolineato “l’importanza e i contenuti dell’evento, assicurando l’impegno e la disponibilità dell’Associazione nei rapporti con le Istituzioni politiche affinché si arrivi alla soluzione auspicata”. Per il presidente di Cna Balneari Sicilia, Guglielmo Pacchione, “è un battaglia da vincere”. Ha preso la parola infine il coordinatore regionale, Gianpaolo Miceli. “Il dato che emerge oggi – ha spiegato – è che gli operatori siciliani, fidandosi dell’estensione al 2033, hanno già avviato nel corso dell’anno i primi investimenti, stimatiin 500 milioni. Un terzo dei soci Cna  ha effettuato investimenti per decine di milioni di euro: questo è un tema fondamentale perché il blocco degli investimenti, in una situazione come quella che viviamo, rischia seriamente di mettere in discussione quel +6% di prodotto interno lordo che ha generato la ripresa.  La presenza turistica durante il Covid in Sicilia è stata garantita proprio dagli stabilimenti balneari che hanno dato supporto alle attività turistiche. Oggi dalla Sicilia parte un monito fondamentale sul livello nazionale per unità della categoria e la capacità della stessa di dialogare con tutte le forze in campo, sociali e politiche, anche quelle avverse alla continuità aziendale, per dare – ha concluso Miceli – un segnale forte rispetto al valore assoluto dell’assetto economico della balneazione in Italia”.

di Redazione
Pubblicato il Nov 25, 2021


Copyright © anno 2020 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 187 - 92100 Agrigento;
Numero di telefono 0922822788 - Cell 351 533 9611 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings

Realizzazione sito web Digitrend Srl