Agrigento

Fai-Cisl, Giovanni Giarrizzo nuovo segretario

Giovanni Giarrizzo è il nuovo segretario generale della Fai-Cisl Agrigento Caltanissetta Enna

Pubblicato 3 settimane fa

Giovanni Giarrizzo è il nuovo segretario generale della Fai-Cisl Agrigento Caltanissetta Enna. Ad eleggerlo è stato il direttivo territoriale della federazione agroalimentare della Cisl riunitosi a Pergusa, Enna. Perito agrario e capolega sindacale, Giovanni Giarrizzo, 37 anni, ha maturato esperienza anche come collaboratore della Cisl territoriale in qualità di esperto del settore primario e sarà affiancato in segreteria da Hind Farah, sindacalista di origini marocchine con esperienze nell’Anolf di Caltanissetta. ”Ringrazio l’organizzazione per la fiducia riconosciuta – dice Giarrizzo – e conto di avviare da subito un lavoro di squadra nell’interesse dei lavoratori e delle lavoratrici di tutti i settori di nostra competenza ben presenti nei nostri territori, riservandomi in proposito di ampliare la Segreteria di un ulteriore componente con la prossima fase congressuale”.

Il nuovo dirigente subentra a Carmelo Cimino, prossimo alla maturazione dei requisiti pensionistici. Per il segretario generale della Fai-Cisl nazionale, Onofrio Rota, ”va rilanciato il ruolo del sindacato in questo territorio complesso, con una notevole vocazione agricola eppure sprovvisto di infrastrutture strategiche e servizi. Molta miopia politica però è la stessa che riscontriamo nel resto d’Italia: in agricoltura, così come nel lavoro ambientale, manca il ricambio generazionale e mancano finanziamenti strutturali, eppure il lavoro delle nostre ‘tute verdi’ sarà sempre più strategico per la sovranità alimentare, la tutela del territorio e la crescita sostenibile del Paese. Una delle conseguenze ad esempio è che dopo aver abbandonato una vera politica dei boschi importiamo oltre l’80% del legno e non sviluppiamo adeguatamente le filiere connesse all’agroalimentare e al lavoro della bonifica e della forestazione. Ma il nostro ruolo non è solo denunciare, è avanzare proposte per innalzare la qualità degli interventi pubblici e guidare le azioni delle imprese verso la massima responsabilità sociale”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *