Favara, scomparsa Gessica Lattuca: rilanciate le indagini sui ricatti sessuali: quattro persone interrogate

Redazione

Agrigento

Favara, scomparsa Gessica Lattuca: rilanciate le indagini sui ricatti sessuali: quattro persone interrogate

di Redazione
Pubblicato il Gen 4, 2019
Favara, scomparsa Gessica Lattuca: rilanciate le indagini sui ricatti sessuali: quattro persone interrogate

Interrogatori mirati e rilancio dell’attività investigativa ad opera dei Carabinieri riguardanti l’inchiesta sulla scomparsa della giovane mamma favarese Gessica Lattuta della quale non si hanno notizie dal 12 agosto scorso.

Ieri ed oggi negli uffici del Reparto operativo di Villaseta più persone, almeno quattro, sono sfilate davanti ai carabinieri ed interrogate nel tentativo di dare risposte ad una vicenda che racchiude tante, troppe finestre oscure.

In particolare, i carabinieri del col. Rodrigo Micucci, in queste ultime 48 ore hanno privilegiato la pista dei ricatti sessuali praticati – secondo tesi accreditate – con la registrazione di video hard aggiunge un altro capitolo e ha puntato con la lente di ingrandimento dei militari altre due giovani ragazze, oltre a Serena Restivo e la stessa Gessica Lattuca, ossia Silvana Ragaccio di Castrofilippo e Teresa Noto di Favara.

I loro nomi erano già circolati, in verità, immediatamente dopo la scoperta di una scritta vergata di rosso su un muro di contrada Crocca con la quale veniva indicato un soprannome di un favarese quale possibile coinvolto nella sparizione della giovane mamma.

Le quattro persone interrogate hanno risposto alle domande dei militari dell’Arma che hanno scandagliato a fondo proprio questa pista investigativa. Nessun particolare trapela circa gli esiti degli interrogatori.

Un rapporto dettagliato verrà consegnato a breve all’Autorità giudiziaria.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04