Apertura

Abusi sessuali su minorenni, arrestato dipendente istituto di cura 

Le indagini sono state avviate dopo la denuncia della madre di un 13enne a cui l'uomo, in cambio di atti sessuali, avrebbe regalato caramelle

Pubblicato 3 settimane fa



Agli arresti domiciliari un dipendente di un istituto di cura dell’hinterland di Catania, responsabile di atti sessuali nei confronti di minorenni, frequentatori della struttura. Su ordine della procura etnea, la polizia di Stato ha eseguito la misura cautelare emessa dal gip a carico di un 59enne per atti sessuali nei confronti di tre minori, a lui affidati per ragioni di vigilanza e di custodia. Le indagini, avviate dagli investigatori della Sezione Reati contro la persona della Squadra mobile, hanno raccolto elementi che dimostrerebbero che l’incensurato avrebbe abusato dei minori, affetti da patologie, che frequentavano un istituto di cura, e si sono avvalse delle dettagliate testimonianze delle tre giovanissime vittime e di alcune chat dei cellulari di due dei minori.

L’inchiesta sull’uomo, in servizio presso l’istituto dal 1993, e’ partita dalla denuncia della madre di un tredicenne che ha subito atti sessuali. Al minore l’indagato si sarebbe approcciato attraverso regali di vario genere (caramelle, patatine, lattine di coca-cola e un paio di occhiali da sole), nonche’ tramite la promessa di somme di danaro per l’imminente onomastico e compleanno e con esplicite comunicazioni su whatsapp. Il tentativo di atti sessuali e’ stato accertato nei confronti anche di un altro minore, al quale piu’ volte l’indagato avrebbe dato somme di danaro (tra 15 e 20 euro) e doni di vario tipo (caramelle e un bracciale), chiudendosi a chiave da solo con il ragazzo in stanze della struttura. Il 13 aprile scorso, dopo che il giovane aveva cessato di frequentare per motivi di cura l’istituto, il destinatario della misura avrebbe cercato con lui un rapporto sessuale. Stesse dinamiche nei confronti di un terzo minorenne, anch’egli in cura presso la struttura, vittima di atti sessuali. L’uomo, rintracciato nella sua abitazione, e’ stato sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. Sequestrati, nel corso di una perquisizione, il telefono cellulare e altro materiale informatico.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *