Mafia, blitz “Assedio”, Semprevivo fa scena muta davanti al Gip

Redazione

Apertura

Mafia, blitz “Assedio”, Semprevivo fa scena muta davanti al Gip

di Redazione
Pubblicato il Lug 14, 2019
Mafia, blitz “Assedio”, Semprevivo fa scena muta davanti al Gip

Si è avvalso della facoltà di non rispondere, non rispondendo dunque alle domande del gip, Raimondo Semprevivo, licatese, rimasto coinvolto nell’inchiesta scaturita nell’operazione antimafia denominata “Assedio”, coordinata dalla Dda di Palermo e condotta sul campo dai Carabinieri delle Compagnie di Agrigento e di Licata.

Ieri mattina, presso il carcere di contrada Petrusa, dove si trova recluso dopo l’ordine di custodia cautelare spiccato nei suoi confronti, Raimondo Semprevivo è comparso dinanzi al Gip del Tribunale di Agrigento, Luisa Turco.

Gli interrogatori continueranno a partire da domani quando dovrebbero comparire dinanzi al giudice altri tre coinvolti, l’ex consigliere comunale di Licata, Giuseppe Scozzari, finito ai domiciliari, e i fratelli Gabriele e Vincenzo Spitaleri, il primo rinchiuso nel carcere di Frosinone, il secondo in quello di Civitavecchia.

I coivolti, a vario titolo, nel blitz dei carabinieri sono: Vincenzo Bellavia, 33 anni di Licata;Angelo Graci, inteso “Trappolina“, 32 anni di Licata;Angelo Occhipinti, inteso “Piscimoddu”, 64 anni di Licata; Giuseppe Puleri, inteso “Peppe”, 40 anni di Campobello di Licata;Giuseppe Scozzari, 46 anni di Licata;Raimondo Semprevivo, 47 anni di Licata, Giuseppe Salvatore Spiteri, 46 anni di Licata.

Secondo le accuse, tutti andavano a bussare alla porta di Angelo Occhipinti, 64 anni di Licata, inteso “Piscimoddu” che, dal suo capannone, divenuto un vero e proprio fortino con tanto di guardie e cani di grossa taglia, amministrava come una vera autorità il sottobosco criminale (e non solo) del grosso centro agrigentino: chi si rivolgeva a lui per compiere dei furti in abitazione ed avere la sua approvazione; un gioielliere del paese, ricevuta una intimidazione con due cartucce, piuttosto che andare dai carabinieri a denunciare l’accaduto si è subito attivato per chiedere “udienza” al boss. Quest’ultimo era riuscito anche ad intervenire su una “messa a posto” di un lavoro edile in Germania dove, a fronte di una richiesta estorsiva di dieci mila euro, era riuscito ad ottenerne cinque. 

Occhipinti era uscito dal carcere nell’ottobre 2017 e immediatamente, come nella più consolidata tradizione mafiosa, aveva ripreso il controllo della famiglia di Licata imponendo estorsioni, dispensando consigli, appianando contrasti.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04