Connect with us
Giudiziaria

Insulti al giornalista Borrometi, condannata la figlia del boss

Si e' concluso con una condanna e una assoluzione il processo in primo grado di giudizio, per le frasi diffamanti ed ingiuriose rivolte al giornalista Paolo Borrometi

Pubblicato 2 mesi fa

Si e’ concluso con una condanna e una assoluzione il processo in primo grado di giudizio, per le frasi diffamanti ed ingiuriose rivolte al giornalista Paolo Borrometi – vicedirettore dell’Agi e responsabile della testata giornalistica on line “Laspia.it” – e alla sua famiglia. I fatti risalgono ad agosto del 2016. Si tratta dei commenti a un articolo del giornalista, pubblicato anche su Facebook, e che aveva come titolo “Da Noto a Rosolini, passando per Avola e Pachino: viaggio nel ‘regno’ dei Trigilia”. Desire’ Crapula, figlia del capomafia di Avola (Siracusa) Michele, e’ stata condannata davanti al giudice monocratico presso il Tribunale di Ragusa a 6 mesi di reclusione, oltre al risarcimento di 2.500 euro a Borrometi (oltre interessi fino al versamento) e al rimborso delle spese legali. La donna aveva dato al giornalista del “fallito” e del “persecutore” per i suoi articoli, e ne aveva diffamato il padre. Nel commento anche l’invito a scrivere “i nomi dei tuoi amici giudici che ti informino e ti autorizzano a dire tutto cio’, li porterai in tribunale con te…per fare due lire non sapere nemmeno quello che dire la spia”.

Desire’ Crapula, oggi condannata in primo grado, per contenuti diffamatori del suo messaggio, e’ figlia di Michele Crapula gia’ condannato come capo per associazione mafiosa. La famiglia Crapula, e’ considerata clan di spicco nell’Avolese affiliata al clan Trigila. Nella relazione semestrale gennaio-giugno 2020, la Direzione investigativa antimafia scriveva cosi’: “Nel comprensorio avolese e’ anche presente, in una posizione operativa piu’ marginale in quanto agisce come articolazione dei Trigila, il gruppo facente capo ai Crapula – si legge nella relazione della Dia – gia’ colpito, nel gennaio 2019, da un’indagine che ne aveva decimato i ranghi. Si tratta dell’operazione ‘Eclipse’, con la quale furono tratte in arresto 10 persone a vario titolo ritenute responsabili di danneggiamento seguito da incendio, tentata estorsione aggravata in concorso, associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, aggravati dall’agevolazione dell’associazione mafiosa della famiglia Trigila e dei Crapula di Avola”. Assolta Roberta Di Maria con la formula ‘perche’ il fatto non sussiste’. (AGI)

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11:00
11:49 - Scontro tra due auto a Santa Margherita Belice: quattro feriti +++11:43 - Lampedusa, barchino contro gli scogli: salvati 42 migranti +++11:42 - Evasione Iva e contrabbando doganale, sequestrata imbarcazione +++11:39 - Scoperta sala giochi abusiva in un bar, 400 mila euro di multa +++11:39 - Scontro tra veicoli a Ramacca, una vittima +++11:33 - Minacce a Giorgia Meloni, indagato 27enne di Siracusa +++11:27 - Morto dopo aver ricevuto schiaffo: giovane arrestato +++11:12 - Riceve schiaffo al volto e muore, arrestato 18enne +++11:07 - Tregua sbarchi a Lampedusa, al via i trasferimenti +++11:03 - Sorpresi ad abbandonare rifiuti per strada: tre denunce +++
11:49 - Scontro tra due auto a Santa Margherita Belice: quattro feriti +++11:43 - Lampedusa, barchino contro gli scogli: salvati 42 migranti +++11:42 - Evasione Iva e contrabbando doganale, sequestrata imbarcazione +++11:39 - Scoperta sala giochi abusiva in un bar, 400 mila euro di multa +++11:39 - Scontro tra veicoli a Ramacca, una vittima +++11:33 - Minacce a Giorgia Meloni, indagato 27enne di Siracusa +++11:27 - Morto dopo aver ricevuto schiaffo: giovane arrestato +++11:12 - Riceve schiaffo al volto e muore, arrestato 18enne +++11:07 - Tregua sbarchi a Lampedusa, al via i trasferimenti +++11:03 - Sorpresi ad abbandonare rifiuti per strada: tre denunce +++