Connect with us
Giudiziaria

Mare inquinato: assolti e prescrizione vertici Girgenti Acque

La sentenza e' stata emessa dai giudici della prima sezione penale del tribunale di Agrigento presieduta da Wilma Angela Mazzara.

Pubblicato 1 mese fa

Tutti indenni fra assoluzioni nel merito e prescrizione: il processo che ipotizzava delle irregolarita’ nella gestione dei cosiddetti “pennelli a mare”, ovvero le condotte sottomarine utilizzate per trasportare i reflui dalle abitazioni al mare aperto dell’Agrigentino, si conclude senza neppure una condanna. La sentenza e’ stata emessa dai giudici della prima sezione penale del tribunale di Agrigento presieduta da Wilma Angela Mazzara. Le fogne di San Leone, secondo quanto ipotizzava la procura, scaricavano direttamente sul mare con un sistema di depurazione del tutto inadeguato: i “pennelli a mare” sarebbero stati disastrati e perdevano da piu’ punti.

Il pubblico ministero Giulia Sbocchia aveva chiesto la condanna di 4 dei cinque imputati. Si tratta di Marco Campione, 60 anni, ex presidente di Girgenti Acque Spa; Giuseppe Giuffrida, 74 anni, di Gravina di Catania, ex amministratore delegato del gestore del servizio idrico integrato nell’Agrigentino; Bernardo Barone, 69 anni, direttore generale dell’Ato idrico, di Agrigento; Maurizio Carlino, 61 anni, progettista e direttore dei lavori e Pietro Hamel, 70 anni, dirigente tecnico dell’Ato idrico. Il magistrato della procura aveva chiesto la condanna a 2 anni e 6 mesi di reclusione per Campione, Giuffrida, Barone e Carlino: una sentenza di non doversi procedere, per avvenuta prescrizione dei reati, era stata invece proposta per Hamel. I giudici, invece, accogliendo gran parte delle tesi difensive (nel collegio, fra gli altri, gli avvocati Giuseppe Scozzari, Diego Galluzzo, Lillo Fiorello e Salvatore Tirinnocchi) hanno scagionato tutti gli imputati con delle assoluzioni del merito per alcune accuse e con una dichiarazione di prescrizione per altre. Secondo quanto ipotizzava la procura le condotte cadevano a pezzi, le centraline di sollevamento andavano in tilt e dalla fogna si scaricava a mare con un filtro scarso. L’inchiesta e’ stata avviata nel 2011 dopo gli innumerevoli esposti di cittadini e associazioni che segnalavano sporcizia e cattivi odori nel mare di San Leone.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

16:17
16:59 - Al professor Francesco Pira il Premio UCSI 22/23 +++15:45 - Agrigento, picchiato dal branco per un commento sui social: 14enne in ospedale  +++15:01 - Fugge a Parigi dopo rapina a mano armata: arrestato +++14:56 - All’Ecua si presenta il libro “Uno scoglio chiamato Lampedusa” di Daneluzzi e Fattori +++14:44 - Dalla Regione quasi 8 milioni per disabili gravi senza famiglia +++13:52 - Lampedusa, vigile del fuoco stroncato da malore sul lavoro: cordoglio dei colleghi  +++13:35 - Manutenzione immobili scolastici del Libero consorzio, approvato il bando di gara +++13:30 - Cercano di passare droga a detenuti, un arresto e una denuncia +++12:03 - Nascondeva 21 flaconi di metadone in casa, arrestato +++11:59 - Trovati due ordigni bellici in Sicilia, artificieri al lavoro +++
16:59 - Al professor Francesco Pira il Premio UCSI 22/23 +++15:45 - Agrigento, picchiato dal branco per un commento sui social: 14enne in ospedale  +++15:01 - Fugge a Parigi dopo rapina a mano armata: arrestato +++14:56 - All’Ecua si presenta il libro “Uno scoglio chiamato Lampedusa” di Daneluzzi e Fattori +++14:44 - Dalla Regione quasi 8 milioni per disabili gravi senza famiglia +++13:52 - Lampedusa, vigile del fuoco stroncato da malore sul lavoro: cordoglio dei colleghi  +++13:35 - Manutenzione immobili scolastici del Libero consorzio, approvato il bando di gara +++13:30 - Cercano di passare droga a detenuti, un arresto e una denuncia +++12:03 - Nascondeva 21 flaconi di metadone in casa, arrestato +++11:59 - Trovati due ordigni bellici in Sicilia, artificieri al lavoro +++