Connect with us
Giudiziaria

Omicidio del cardiologo a Favara, Vetro resta in carcere: niente domiciliari  

Adriano Vetro, l’autore dell’omicidio del cardiologo favarese Gaetano Alaimo, resta in carcere

Pubblicato 2 mesi fa

Adriano Vetro, l’autore dell’omicidio del cardiologo favarese Gaetano Alaimo, resta in carcere. Lo ha disposto il tribunale della Libertà di Palermo, presieduto dal giudice Simona Di Maida, che ha rigettato la richiesta di scarcerazione avanzata dalla difesa. Il Riesame conferma così (annullando solo la parte relativa alla ricettazione per la quale non era stata chiesta alcuna misura) la decisione del gip del tribunale di Agrigento Micaela Raimondo.

L’avvocato Santo Lucia, difensore dell’indagato, era tornato a chiedere gli arresti domiciliari con obbligo di braccialetto alla luce “della confessione e dell’atteggiamento di piena collaborazione”. Vetro, 47 anni, incensurato, collaboratore scolastico a Caltanissetta, è accusato di omicidio aggravato dalla premeditazione, porto illegale di arma e ricettazione.

Lo scorso 29 novembre si è presentato al poliambulatorio di Favara e ha ucciso con un solo colpo di pistola lo specialista nella sala d’attesa. L’arma utilizzata è risultata rubata in provincia di Catania quasi quarant’anni fa. Poi la fuga, l’arresto in una casa di campagna e la confessione: “Mi sentivo preso in giro”. Secondo la ricostruzione di Vetro, ritenuta non del tutto genuina dal procuratore Salvatore Vella e dal sostituto Elenia Manno, alla base del delitto ci sarebbe il mancato rilascio di un certificato medico utile per il rinnovo della patente. 

Negli scorsi giorni il medico legale Alberto Alongi ha eseguito l’autopsia sul cadavere del cardiologo Alaimo confermando il solo colpo esploso dall’arma di Vetro. La salma è stata poi dissequestrata permettendo così la celebrazione dei funerali a cui hanno preso parte tantissime persone. I familiari della vittima, individuate come persone offese, sono rappresentate dall’avvocato Giuseppe Barba.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

03:30
00:52 - Un libro e un busto bronzeo per l’attore Pippo Montalbano +++23:59 - Latitanza MDM e borghesia mafiosa: le piste agrigentine +++22:05 - Grecia, Sicilia e Malta. Qui si gioca il futuro del Mediterraneo come Hub Digitale +++20:21 - Migranti, donna trovata in mare su salvagente +++20:18 - Mafia, inchiesta Gotha: 34 condanne +++20:14 - Infedele patrocinio, condannata avvocatessa +++20:12 - Anziano rapinato e ucciso, condanne ridotte in Appello +++19:59 - Disabile suicida in comunità: chiesti 5 rinvii a giudizio +++18:17 - Cadavere in mare al porto di Palermo, trovato da motovedetta +++18:16 - Migranti, Martello: “con Governo Meloni non è cambiato nulla” +++
00:52 - Un libro e un busto bronzeo per l’attore Pippo Montalbano +++23:59 - Latitanza MDM e borghesia mafiosa: le piste agrigentine +++22:05 - Grecia, Sicilia e Malta. Qui si gioca il futuro del Mediterraneo come Hub Digitale +++20:21 - Migranti, donna trovata in mare su salvagente +++20:18 - Mafia, inchiesta Gotha: 34 condanne +++20:14 - Infedele patrocinio, condannata avvocatessa +++20:12 - Anziano rapinato e ucciso, condanne ridotte in Appello +++19:59 - Disabile suicida in comunità: chiesti 5 rinvii a giudizio +++18:17 - Cadavere in mare al porto di Palermo, trovato da motovedetta +++18:16 - Migranti, Martello: “con Governo Meloni non è cambiato nulla” +++