Operazione Barbanera, l’agrigentino Spalma ai domiciliari

Redazione

focus

Operazione Barbanera, l’agrigentino Spalma ai domiciliari

di Redazione
Pubblicato il Ago 10, 2019
Operazione Barbanera, l’agrigentino Spalma ai domiciliari

Il Tribunale di Trapani, accogliendo le istanze degli avvocati Salvatore Pennica e Giacomo La Russa, hanno scarcerato Salvatore Spalma, 30 anni di Agrigento, disponendo gli arresti domiciliari con braccialetto elettronico.

Spalma è rimasto coinvolto nell’operazione Barbanera, eseguita dalla Guardia di Finanza lo scorso gennaio, che ha portato al fermo di 14 persone (italiani e stranieri) appartenenti ad un sodalizio criminale che avrebbe gestito il traffico di migranti tra la Tunisia e le coste siciliane con gommoni veloci.

I componenti del clan, capeggiato dal tunisino Fadhel Moncer, sono accusati a vario titolo di sfruttamento dell’immigrazione clandestina, contrabbando di tabacchi lavorati e fittizia intestazione di beni e attività economiche.

La banda reclutava i profughi e raccoglieva grosse somme di denaro per la traversata: fino a 3.000 euro. L’organizzazione rubava natanti e motori, già usati per i viaggi verso l’Italia e sequestrati dalla Finanza, e acquistava tabacchi di contrabbando che poi portava in Sicilia e rivendeva grazie alla rete di distribuzione che aveva nei mercati rionali palermitani. La banda usava gommoni carenati, dotati di potenti motori fuoribordo, con i quali era in grado di coprire il tratto di mare che separa le due sponde del Mediterraneo in poche ore, trasportando, per ciascuna traversata, dai 10 ai 15 persone.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04