“Pressioni per favorire ditta amica”, arrestato vicesindaco di Erice 

Redazione

Giudiziaria

“Pressioni per favorire ditta amica”, arrestato vicesindaco di Erice 

di Redazione
Pubblicato il Feb 1, 2019
“Pressioni per favorire ditta amica”, arrestato vicesindaco di Erice 

Le indagini che all’alba di oggi hanno portato all’arresto del vicesindaco di Erice (Trapani) Angelo Catalano, accusato di corruzione e abuso d’ufficio “hanno permesso di accertare”, come afferma il Gip nel provvedimento, ”una pluralità d’illeciti attuati da Catalano, con spregiudicatezza e disprezzo verso l’amministrazione d’appartenenza, derivante dal fatto che, essendo ormai abituato al potere ed a servirsi del proprio ruolo, ha realizzato interessi personali e privati, ritenendosi al di sopra della legge, tanto da non temere verifiche e controlli”.

In queste condotte illecite, “ricorrendo all’inganno e mettendo in secondo piano il pubblico interesse, in concorso con taluni appartenenti all’amministrazione comunale ericina, nonché alcuni consiglieri comunali, Catalano manipolava imprenditori che, pur di accaparrarsi appalti per conto dell’amministrazione, distoglievano risorse pubbliche per gli interessi personali di Catalano o per quelli di taluni consiglieri comunali vicini allo stesso”.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04