Sorella Sanità, giudizio immediato per manager agrigentino e altri 9

Redazione

Sorella Sanità, giudizio immediato per manager agrigentino e altri 9
| Pubblicato il lunedì 26 Ottobre 2020

Sorella Sanità, giudizio immediato per manager agrigentino e altri 9

di Redazione
Pubblicato il Ott 26, 2020

Giudizio immediato per dieci imputati coinvolti nella maxi inchiesta sulla sanità siciliana. Tra questi c’è anche il manager-faccendiere di Canicattì, Salvatore Manganaro che, dopo l’arresto avvenuto lo scorso maggio, ha iniziato a fornire dichiarazioni agli inquirenti che hanno inevitabilmente “arricchito” l’inchiesta. Il processo prenderà via il prossimo 1 febbraio.

Oltre Manganaro vanno a processo anche Antonio Candela, allora coordinatore della struttura regionale per l’emergenza Covid-19 ed ex manager dell’Asp di Palermo, Francesco Zanzi, amministratore delegato della Tecnologie Sanitarie spa; Roberto Satta, responsabile operativo della Tecnologie Sanitarie; Angelo Montisanti, responsabile operativo per la Sicilia di Siram e amministratore delegato di Sei Energia scarl; Crescenzo De Stasio, direttore unità business centro sud di Siram; Ivan Turola, referente occulto di Fer.Co srl; Salvatore Navarra, presidente del consiglio di amministrazione di Pfe spa; Giuseppe Taibbi, che invece era vicino a Candela, e Fabio Damiani, manager dell’Asp di Trapani.

L’inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Sergio Demontis e dei sostituti Giovanni Antoci e Giacomo Brandini, riguarda mazzette nel mondo della sanità per pilotare gare d’appalto.

di Redazione
Pubblicato il Ott 26, 2020


Copyright © anno 2020 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 187 - 92100 Agrigento;
Numero di telefono 0922822788 - Cell 351 533 9611 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings