Raffadali, elezioni al veleno: 4 indagati e si’ Tar a ricorso

Redazione

Raffadali, elezioni al veleno: 4 indagati e si’ Tar a ricorso
| Pubblicato il domenica 09 Ottobre 2016

Raffadali, elezioni al veleno: 4 indagati e si’ Tar a ricorso

di Redazione
Pubblicato il Ott 9, 2016

Battuto per cinque voti (3.763 contro 3.768) all’elezione a sindaco di Raffadali, Pietro Giglione, sconfitto dall’uscente Silvio Cuffaro, ha fatto ricorso al Tar contestando irregolarita’ nello spoglio. Cuffaro, fratello dell’ex governatore siciliano, difeso dagli avvocati Girolamo Rubino e Giuseppe Impiduglia, ha a sua volta proposto ricorso incidentale, lamentando l’erronea attribuzione in favore di Giglione di un rilevante numero di voti. Gli avvocati Lucia di Salvo e Francesco Stallone, difensori di Giglione, avevano eccepito la nullita’ della notificazione del ricorso incidentale perche’ notificato mediante pec. In un primo momento il Tar aveva disposto una verifica in contraddittorio per accertare l’esistenza delle schede contestate da Giglione ed e’ emerso che numerose dichiarazioni sostitutive prodotte dai difensori del ricorrente risultavano mendaci, non essendo state trovate in alcune sezioni le schede aventi le caratteristiche descritte nelle dichiarazioni sostitutive degli atti di notorieta’. Cuffaro ha presentato denuncia alla procura e attualmente risultano indagati Salvatore Frenda, Pasquale Tuttolomondo, Veronica Ragusa, Francesco Curaba, Eleonora Bruno, Salvatore Pace. All’udienza del 6 ottobre il Tar di Palermo, sezione seconda, presidente Cosimo di Paola, relatore Anna Pignataro, condividendo le tesi difensive degli avvocati Rubino e impiduglia, ha dichiarato ammissibile il ricorso incidentale proposto nell’interesse di Cuffaro, disponendo ulteriori verifiche.

di Redazione
Pubblicato il Ott 9, 2016


Copyright © anno 2020 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 187 - 92100 Agrigento;
Numero di telefono 0922822788 - Cell 351 533 9611 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings