Mafia, omicidio del giornalista Alfano: c’è un indagato

Redazione

| Pubblicato il venerdì 12 Novembre 2021

Mafia, omicidio del giornalista Alfano: c’è un indagato

Il giornalista è stato ucciso da Cosa nostra di Barcellonese nel gennaio del 1993
di Redazione
Pubblicato il Nov 12, 2021

C’e’ un iscritto nel registro degli indagati dalla Procura di Messina nell’ambito del terzo fascicolo aperto sull’uccisione del giornalista Beppe Alfano ucciso da Cosa nostra di Barcellonese nel gennaio del 1993. E’ Stefano Genovese, in passato gia’ indicato come il sicario del cronista, prima dal boss barcellonese pentito Carmelo D’Amico e poi, ma de relato, dal fratello, anche lui collaboratore, Francesco D’Amico. Lo scrive la Gazzetta del Sud. Genovese era stato indagato per delitto dalla Procura, ma l’accusa, supportata soltanto dalle dichiarazioni del pentito Carmelo D’Amico, non era stata ritenuta dalla Dda di Messina sufficientemente solida per andare a processo, e cosi’ era avanzata la richiesta di archiviazione, poi accolta dal gip.

La nuova iscrizione sarebbe un atto dovuto alla luce degli sviluppi dell’inchiesta: il collaboratore di giustizia Biagio Grasso ha riferito che Antonino Merlino – condannato a 21 anni, con sentenza definitiva, come esecutore materiale del delitto – gli avrebbe confidato di essere innocente e che ad uccidere il giornalista sarebbe stato Genovese . Secondo l’accusa, Alfano, corrispondente de La Sicilia da Barcellona Pozzo di Gotto, sarebbe stato ucciso perche’ disturbava gli affari e gli interessi della mafia locale. A dare l’ordine di assassinarlo. secondo l’accusa, sarebbe stato il boss Giuseppe Gullotti, condannato a 30 anni di reclusione, ma il suo processo e’ sotto revisione a Reggio Calabria, con sentenza prevista per il prossimo 18 novembre.

di Redazione
Pubblicato il Nov 12, 2021


Copyright © anno 2020 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 187 - 92100 Agrigento;
Numero di telefono 0922822788 - Cell 351 533 9611 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings

Realizzazione sito web Digitrend Srl