Processo “Montagna”: teste nega l’evidenza e finisce sotto inchiesta

Redazione

Agrigento

Processo “Montagna”: teste nega l’evidenza e finisce sotto inchiesta

di Redazione
Pubblicato il Ott 24, 2019
Processo “Montagna”: teste nega l’evidenza e finisce sotto inchiesta

La ripresa del processo “Montagna” (rito ordinario) davanti ai giudici della prima sezione del Tribunale di Agrigento presieduta da Alfonso Malato (con a latere Giuseppa Zampino e Alessandro Quattrocchi) dopo la due giorni romana con udienze celebrate all’interno dell’aula bunker di Rebibbia, ha riservato un clamoroso colpo di scena con un teste che ha negato anche l’evidenza finito sotto inchiesta.

Si tratta di Stefano Butticè, allevatore di San Biagio Platani comparso oggi in aula per riferire su alcune circostanze intercettate dagli investigatori e divenute parte integrante del processo.

Butticè, tuttavia, ha escluso di avere mai avuto conversazioni con il boss del suo paese, Giuseppe Nugara, imputato e condannato nel processo celebratosi con il rito abbreviato mentre gli odierni imputati sono: Giuseppe Scavetto, 50 anni di Casteltermini, i favaresi Antonio Scorsone, 54 anni, Domenico Lombardo, 27 anni, Calogero Principato, 28 anni e Salvatore Montalbano, 27 anni e l’ex sindaco di San Biagio Platani, Santo Sabella.

Il teste era finito al centro delle investigazioni che riguardavano Nugara e che nel corso delle stesse manifestava la sua avversione verso il testimone di giustizia, Ignazio Cutrò al punto di dire che aveva rovinato la sua famiglia e i suoi figli privandoli della libertà di movimento sino ad arrivare ad affermare che “… appena lo Stato si stanca  che gli toglie la scorta poi vedi che poi…”.

Tutto questo ed altro Butticè lo ha negato facendo perdere la pazienza sia al presidente del Tribunale che gli ha detto con tono severo di correre un grosso rischio negando ciò che è intercettato che al pubblico ministero della Direzione distrettuale antimafia di Palermo, Alessia Sinatra che ha chiesto la trasmissione degli atti al suo ufficio per procedere contro il teste.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04