Licata

Crisi idrica a Licata, Anna Triglia: “Azioni comuni tra vari territori”

La presidente del Consiglio comunale scrive ai primi cittadini di Agrigento, Palma di Montechiaro, Ravanusa e Campobello di Licata

Pubblicato 1 mese fa

“La grave crisi idrica che sta vivendo negli ultimi mesi la Sicilia è divenuta ormai di proporzioni drammatiche e non sta risparmiando nemmeno le nostre Città, sembra essere piombati nuovamente negli anni 60 quando si manifestava per avere l’acqua nelle proprie case”.

Lo scrive Anna Triglia, presidente Consiglio comunale di Licata, in un documento inviato a numerosi sindaci del comprensorio ossia Agrigento, Palma di Montechiaro, Ravanusa e Campobello di Licata e aggiunge: “Ogni giorno che passa le nostre comunità vivono una situazione atavica che danneggia non solo le singole famiglie, costrette ad acquistare l’acqua dai privati, ma anche la nostra agricoltura e tutte le strutture ricettive che vedono annullate le prenotazione dei tantissimi turisti che soprattutto in estate affollano le nostre Città. La siccità che ha colpito la Sicilia non è l’unica causa che provoca questo disagio, sappiamo anche delle reti idriche fatiscenti, delle dighe che non sono in funzione o lo sono parzialmente, dei dissalatori che non funzionano, ed è per questo che  non possiamo  assistere inerti a questa situazione. L’acqua è vita, sopravvivenza, lavoro e per tale ragione, in rappresentanza del Consiglio comunale di Licata,  vi invito a voler organizzare, insieme a me, una manifestazione pacifica per dare voce alle esigenze delle nostre Comunità”

La presidente del Consiglio comunale si dichiara certa della collaborazione delle amministrazioni chiamate in causa e pronta a diventare parte attiva nell’organizzare la manifestazione.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *