Lampedusa, sospeso il servizio “emergenza sbarchi” alla Guardia Medica

Redazione

Agrigento

Lampedusa, sospeso il servizio “emergenza sbarchi” alla Guardia Medica

Martello scrive all'ass. Razza: "pesanti conseguenze per gli operatori e per gli utenti"
di Redazione
Pubblicato il Feb 8, 2019
Lampedusa, sospeso il servizio “emergenza sbarchi” alla Guardia Medica

“A partire dal 1 febbraio è stato sospeso il servizio di ‘emergenza sbarchi’ presso la Guardia Medica di Lampedusa: questa decisione comporta una riduzione del personale, con ripercussioni sia sull’erogazione dei servizi che per l’attività degli operatori che devono comunque assicurare assistenza 24 ore su 24 sia ai migranti che alla popolazione locale”. Lo dice il sindaco di Lampedusa e Linosa Totò Martello, che ha scritto all’assessore regionale alla Salute Ruggero Razza ed al commissario straordinario della Asp diPalermo Daniela Faraoni.

“Dal momento che, è bene ribadirlo, a Lampedusa gli sbarchi continuano ad esserci – anche se ‘più piccoli’ ma frequenti, e spesso senza che abbiano risalto mediatico – non si comprende il motivo di questa decisione che crea inevitabili disagi poiché il personale rimasto in servizio, che adesso non può più contare sul supporto degli operatori dedicati alla ‘emergenza sbarchi’, deve prestare assistenza sia ai migranti che giungono sulla nostra isola che a residenti e turisti. È evidente che quella di Lampedusa non può essere considerata una Guardia Medica ‘come tutte le altre’, e vista l’importanza dipoter contare su un presidio sanitario pienamente efficiente sull’isola – conclude Martello – chiedo all’assessore alla Salute ed al commissario dell’Azienda sanitaria di Palermo di rivedere questa decisione che rischia diavere pesanti conseguenze sia sul personale medico che sui servizi erogati agli utenti”.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04