Terremoto in casa Lega, fuori Giambrone: “l’entrata di Pullara ha rotto gli equilibri”

Redazione

| Pubblicato il martedì 23 Novembre 2021

Terremoto in casa Lega, fuori Giambrone: “l’entrata di Pullara ha rotto gli equilibri”

Insieme a lui si sono dimessi Granata, Fontana, Pace, Fattori
di Redazione
Pubblicato il Nov 23, 2021

Terremoto in casa Lega agrigentina. A lasciare il partito di Salvini Vincenzo Giambrone che ha ricoperto il ruolo di referente politico provinciale. Una scossa che, in vista delle elezioni regionali, avrebbe il suo epicentro con l’ingresso nella Lega del deputato regionale agrigentino Carmelo Pullara.

Ho dovuto dimettermi, con non poco disappunto e tanta amarezza, dalla carica di Segretario Provinciale della Lega, perché sono stati disattesi gli impegni assunti e sono state create, dai vertici Nazionali e Regionali, condizioni di incompatibilità, favorendo l’ingresso nella Lega dell’On. Pullara, che ha rotto gli equilibri politici provinciali”, scrive in una nota Vincenzo Giambrone. Come avevo preannunciato pubblicamente a Salvini e Minardo, la presenza di Pullara avrebbe creata una voragine politica all’interno della Lega Provinciale: cosa che si è puntualmente verificata”.

Di fatti oltre a Giambrone si sono dimessi il canicattinese Giancarlo Granata, l’agrigentino Vincenzo Fontana, ex presidente della Provincia, l’ex sindaco di Ribera Carmelo Pace, Marcello Fattori, e tutti i nuovi Componenti della Direzione Provinciale.

Siamo usciti dal partito, continua Giambrone, avendo preso atto con forte rammarico della fredda e distaccata decisione assunta da Salvini. A nulla è valso, pertanto, il costante e assai proficuo lavoro prodotto in otto mesi di militanza nella Lega, avendo concorso a creare una squadra provinciale che avrebbe sicuramente garantita l’elezione, per la prima volta nella storia, di un Deputato Regionale della Lega della Provincia di Agrigento. A questa mia drastica decisione aggiungo la non condivisione della linea politica assunta, in quest’ultimo periodo, da Salvini che con i piedi sta nel Governo e con la testa fuori, creando confusione e malumore negli elettori . Sono, pertanto, uscito dalla Lega a testa alta, conclude Giambrone, nonostante le vane assicurazioni fattemi ma con la fermezza di non permettere a chicchessia di poter scalfire la dignità mia e dei miei tanti Amici che mi hanno da sempre sorretto con la loro spassionata fiducia, di cui sono e sarò sempre grato”.

di Redazione
Pubblicato il Nov 23, 2021


Copyright © anno 2020 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 187 - 92100 Agrigento;
Numero di telefono 0922822788 - Cell 351 533 9611 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings

Realizzazione sito web Digitrend Srl